Salta al contenuto principale

Il Sarca esonda ad Arco

e fa paura: anche oggi

"sorvegliato speciale" - VIDEO

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 55 secondi

La pioggia è iniziata venerdì notte. Ma è sabato che si è capito quanto aveva fatto male: il Sarca non ce l'ha fatta a tenere tutta quell'acqua. Arrivato a 500 metri cubi al secondo ha superato gli argini nella zona del Linfano, sotto Arco.

I sacchi di sabbia, le pompe idrovore, le reti, i rinforzi degli argini: nulla è bastato. L'acqua si è fatta strada e ha travolto campagne, piste ciclabili, case. Ed ha tenuto con il fiato sospeso il Basso Barca fino alle 18, quando è passata l'onda di picco e quando, pur lentamente, il grande fiume ha iniziato a chetarsi un po'. Ma è una tregua: c'è una finestra di bel tempo buona per rifiatare, ma già oggi dovrebbe tornare la pioggia. E mentre il sindaco di Arco Betta punta il dito contro la gestione della diga di Ponte Pià, i pompieri - in strada per ore un esercito di volontari - si organizzano per la prossima ondata di oggi pomeriggio. Sperando sia un po' meno cattiva.

Che sarebbe stata una giornata difficile lo dicevano i bollettini meteo. L'«allerta arancione», dopo l'esondazione del 30 agosto scorso, faceva paura. Ma ieri mattina ci si è alzati di buon umore: il Sarca, pur dopo la nottata di poggia, aveva una portata di 30-50 metri cubi al secondo. Ampiamente sostenibile, anche immaginando piogge intense.

E invece no. Si è cominciato a capire che sarebbe stato tutto in salita a metà mattina. Alle 10, alle Sarche, il fiume già faceva paura. Perché era alto. E perché era arrabbiato. La portata era salita alla velocità della luce, i pompieri già erano allertati a Riva e Arco. Ampiamente prima di mezzogiorno si è preso atto che serviva pensare al peggio. Sono stati installati 800 metri di reti, si sono rinforzati gli argini nei punti critici: il Linfano, prima di tutto. Lì si temeva un'esondazione sulla strada, quindi si è rinforzato l'argine scaricando terra sulla ciclabile, chiusa la statale 249. A stretto giro si sono chiusi i ponti (anche ai pedoni) e poi è diventata off limits via della Cinta ad Arco.

Tre i fronti dell'emergenza: Linfano e la foce del Sarca, a Torbole, dove i pompieri hanno recuperato i detriti. Ma l'epicentro dell'emergenza era Arco. Perché è lì che, per primo, il Sarca ha superato gli argini.

Erano le 15. In sponda destra l'esondazione è stata minima, ma in sponda sinistra il fiume ha rotto a Pratosaiano, ha inondato la zona di Caneve raggiungendo i piani terra delle case e le campagne circostanti. 

Quanto alla viabilità, i disagi ci sono stati: oltre al Linfano e ai ponti chiusi, il Sarca ha esondato sulla carreggiata a Ceniga, e in via Mantova ad Arco si è bloccato il traffico a causa del muro pericolante al convento delle Monache. 

«È stata una piena di grande entità, superiore a quella del 30 agosto e anche a quella di Vaia. Forse inferiore solo a quella del 1999» spiegava ieri Lorenzo Malpaga, del Bacini Montani. E tanti, cercando colpevoli, puntavano i dito contro la diga: «C'è un problema nella gestione - sbottava ieri il sindaco Alessandro Betta, per tutto il giorno tra i volontari - l'ho già segnalato. Non è possibile che ieri il Sarca fosse vuoto ed oggi fossimo a questa emergenza».

È pur vero che a Ponte Pià hanno rilasciato acqua, ma il problema - dicono i tecnici - era a monte: «Quella diga ha un invaso troppo piccolo per avere una grande influenza su eventi di questo tipo - spiega Malpaga - tecnicamente si dice che "lamina poco". Credo siano stati gli effetti di una pioggia violentissima».

IL VIDEO: IL SARCA ALLA FOCE, LA FURIA DELL'ACQUA

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy