Salta al contenuto principale

Trentino, primo incontro

del Tavolo sulla figura

dell’infermiere di famiglia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

Si è tenuto ieri il primo incontro del Tavolo di lavoro sulla figura dell’infermiere di famiglia e comunità all’intento del sistema sanitario trentino, prevista dal Piano di potenziamento e riorganizzazione della rete assistenziale territoriale.

Dal confronto - riporta una nota - è emersa la necessità di integrare questa figura con le altre professioni, con gli ospedali e con i medici di medicina generale, per garantire una presa in carico dei malati cronici e delle persone fragili. Il piano di riferimento prevede un impegno di spesa di 13 milioni di euro, per l’assunzione a tempo indeterminato di una sessantina di figure fra infermieri, medici e altro personale, e assunzioni a tempo determinato per implementare il sistema di accertamento diagnostico e sorveglianza della circolazione del virus.

A margine dell’incontro si è infine valutato anche la possibilità di coinvolgere, più in generale, la professione infermieristica per effettuare i test antigenici rapidi, su soggetti sintomatici in particolare in età scolare, che consentono di dare risposte veloci sulla positività al coronavirus.

LA POSIZIONE DEL SINDACATO FP-CGIL - La Funzione pubblica Cgil del Trentino prende atto del processo che sta portando all’istituzione dell’infermiere di famiglia, rispetto al quale si è tenuto un primo incontro del tavolo di lavoro con assessore e dirigente provinciale, dirigenti dell’Azienda sanitaria e Ordine delle Professioni Infermieristiche.

Su questo tema, spiegano il segretario generale Luigi Diaspro e i referenti del settore sanità Gianna Colle e Marco Cont: «Chiediamo di essere coinvolti nelle prossime fasi organizzative di istituzione di questa importante figura: per poter meglio inquadrare i fabbisogni del territorio e individuare come garantire adeguata integrazione coi servizi già in essere.

Abbiamo appreso che il piano prevede l'assunzione di una sessantina di figure professionali e anche su questo elemento è cruciale il ruolo del sindacato nell’affiancare una corretta progettazione: utile a dare il miglior servizio possibile ai cittadini ma necessaria anche per garantire adeguatamente i lavoratori già in servizio e quelli che saranno assunti».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy