Salta al contenuto principale

Terrorismo, arrestata in Siria

un'italiana per attività con l'Isis

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

Alice Brignoli, moglie del militante dell'Isis italiano di origine marocchina Mohamed Koraichi, è stata arrestata in Siria dai carabinieri del Ros, con l'accusa di associazione a delinquere con finalità di terrorismo.

Gli uomini del Ros hanno anche rintracciato i figli della donna e li hanno rimpatriati. La donna conque anni fa era andata via dal paese brianzolo in cui risiedeva, Bulciago, comune di 3mila abitanti in provincia di Lecco.

Nel 2015 Brignoli e Koraichi, secondo quanto ricostruito dalle indagini, hanno lasciato l'Italia per raggiungere il Califfato, portandosi dietro i loro tre figli: una volta in Siria, Koraichi ha partecipato direttamente alle operazioni militari dell'Isis mentre la Brugnoli avrebbe ricoperto un "ruolo attivo - dice il Ros - nell'istruzione dei figli alla causa del jihad". La misura cautelare è stata emessa dal Gip di Milano su richiesta della direzione distrettuale antiterrorismo.

Brignoli, si sarebbe detta «felicissima» di tornare in Italia assieme ai suoi 4 figli (uno è nato in Siria), anche se lei finisce in carcere e i suoi figli verranno affidati ad una comunità.

È quanto si è appreso in relazione alle indagini  del Ros dei carabinieri, coordinate dal capo del pool antiterrorismo milanese Alberto Nobili e dal pm Francesco Cajani.

Il marito delle donna, da quanto si è saputo, è morto in Siria.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy