Salta al contenuto principale

Covid, in Trentino rispetto a giugno casi aumentati di 20 volte. Il Fadoi: «Per più della metà non si è trovata l'origine»

Per 125 infetti su 200 non si è riusciti nel tracciamento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

In Trentino Alto Adige i casi Covid, rispetto a fine giugno, sono aumentati quasi di 20 volte. Secondo l’ultima indagine Fadoi (la Società Scientifica di Medicina Interna) preoccupa soprattutto il fatto che in Trentino per 125 positivi accertati sui 200 della settimana, oltre la metà quindi, non si è riusciti a risalire all’origine del contagio. In Alto Adige il rapporto è 31 positivi non tracciati su 172.

«Ed è un bel problema - spiega Antonio Miglietta, medico infettivologo, responsabile del servizio epidemiologia della asl Roma 2 - perché questo significa lasciare in circolazione persone contagiose che non sanno di esserlo. Però non è colpa nostra, ma di chi non rispetta le regole. Come fai a rintracciare i contatti di chi espone tutti a rischio perché non indossa mai la mascherina e non rispetta nessuna delle regole basilari».

«In Trentino Alto Adige il numero dei casi positivi sono relativamente modesti, legati a focolai circoscritti; il 21 Settembre infatti vi sono stati 2 positivi su 517 tamponi eseguiti e 13 soggetti risultano ricoverati ma nessuno è ricoverato in rianimazione», commenta Dimitri Peterlana, Presidente Fadoi delle Province di Trento e Bolzano.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy