Salta al contenuto principale

L'orso M49 è ancora vivo

e si trova in Val Cia (Vanoi):

la conferma di Groff a Ghezzer

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

Sì, l’orso 49 è ancora vivo. Da una settimana su Facebook numerosi appassionati di natura alimentavano la «voce» secondo la quale sull’orso fuggitivo era calato il silenzio in quanto «già eliminato». Una teoria complottista che era sorta fin dalla notizia del radiocollare trovato abbandonato a terra: per moli, era il segno che «lo vogliono fare fuori senza tracce».

Ma M49 è sempre lì, e sempre vivo: la conferma arriva direttamente dal responsabile Claudio Groff, al quale il blogger Alessandro Ghezzer ha chiesto se c’erano riscontri sul fatto che M49 fosse ancora in vita.

La risposta, pubblicata da Ghezzer: «Sì, abbiamo segnalazioni e la carta online è aggiornata di conseguenza».

La mappa, che prima segnava la posizione del radiocollare (con un’area ampliata per non far rintracciare l’orso dai curiosi) infatti è stata aggiornata e segnala M49 in alta Val Cia (Vanoi), poco distante da dove ha perso il collare.

Per Ghezzer «Una grande notizia, anche se non capisco perché la tenessero nascosta invece di divulgarla».

Anche di questo si parlerà questa sera a Mattarello, alle ore 20, in una serata promossa dallo stesso Ghezzer con Giancarlo Ferron, scrittore naturalista, fotografo naturalista, esperto di montagna, animali, fauna alpina. Ferron è l’autore del fortunato libro «Hanno ucciso l’orsa», dedicato alla vicenda di Jurka. Oggi parlerà di «convivenza con orsi e lupi». Ingresso libero, evento organizzato con Onda Civica di Trento.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy