Salta al contenuto principale

Alto Adige, tragedia in montagna

Ha perso la vita una ragazza trentina

Giulia Tita, 29 anni, caduta per 150 metri

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 30 secondi

Seconda tragedia di Ferragosto in montagna in Alto Adige, dopo la morte di un base jumper. E' caduta dal sentiero finendo 150 metri più in basso, mentre tentava l'ascensione alla Cima delle Anime, in val Passiria, Giulia Tita, 29enne di Trento (foto Rai). La donna è morta sul colpo.

Il tracciato che porta alla croce sommitale della Cima delle Anime, a 3489 metri, è una impegnativa via di alta montagna che parte dal rifugio Plan, 500 metri più in basso. Un itinerario per escursionisti esperti.

La giovane donna, laureata, lavorava alla Cassa Centrale Banca a Trento ed era molto apprezzata per la sua professionalità e competenza.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy