Salta al contenuto principale

Vigne e orti biologici

per aiutare il Brasile

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

Un’amicizia che unisce e costruisce, ed un appello alla comunità trentina per aiutare la diocesi brasiliana di Paolo Alfonso nello Stato di Bahia, duramente provata dall’emergenza sanitaria ed economica legata a Covid 19. Il vescovo e missionario trentino Dom Guido Zendron, nato 66 anni fa a Lisignago e sin dal 2008 alla guida della diocesi brasiliana di Paolo Alfonso nello Stato di Bahia (23 parrocchie e 415 mila abitanti) a 350 km dalla costa atlantica, ha lanciato, con l’associazione trentina «Educazione e Sviluppo: Edus» del presidente Carlo Fedrizzi, il progetto «Recanto da solidariedade» (letteralmente «angolo di solidarietà»), che vuole sostenere persone in difficoltà e svantaggiate con la creazione di un vigneto ed un grande orto biologico dove coltivare ortaggi e frutta.

«La diffusione di Covid 19 in Brasile ha creato una situazione molto confusa sia nella prevenzione che nella gestione della pandemia, lasciando gravi ferite nelle persone - spiega in una nota il vescovo Dom Guido Zendron - il look down ed il distanziamento sociale hanno creato tanti disoccupati.

Nella nostra comunità molti capi famiglia lavorano nelle grandi città, e dopo le restrizioni hanno perso il lavoro. La diocesi è da sempre vicina alle categorie più fragili e provate da pandemia e disoccupazione, anche verso chi è impegnato in un delicato periodo di disintossicazione da alcol e droga, e che perdendo il lavoro potrebbe tornare nella dipendenza».

Se oggi in Brasile si contano più di 3 milioni di contagiati e si sono superati i 101 mila decessi da Covid 19, non meno preoccupante è la situazione nello Stato di Bahia con 193 mila contagi (1.600 nell’ultima settimana) e oltre 3.900 decessi (55 negli ultimi 7 giorni). «Grazie all’impiego di una quindicina di persone (provenienti dal mondo delle dipendenze o ex carcerati e seguiti da alcuni volontari) stiamo recuperando e valorizzando a fini agricoli un grande terreno, posto vicino al bacino del fiume San Francisco, che un ente statale di Paolo Alfonso prima ha concesso in uso gratuito e quindi ha donato alla diocesi - spiega ancora Dom Zendron - si vuole realizzare un grande orto biologico dove coltivare ortaggi e frutta.

Stiamo sostenendo importanti spese sia per la preparazione del terreno, l’impianto d’irrigazione e la messa dimora del vigneto e della varie piante dell’orto. Verrà creato anche ad un punto vendita per la commercializzazione al dettaglio di ortaggi e di succo d’uva (qui particolarmente apprezzato).
È una sfida che affrontiamo con entusiasmo e pazienza, dando la possibilità alle persone di ricostruire e riavviare nuovi rapporti personali ed inserimento lavorativo».

Un progetto che richiede l’aiuto e la solidarietà dei trentini (aperto un apposito conto corrente presso la Cassa rurale Alta Valsugana con Iban: IT12X081783522000000089614) e ha già coinvolto l’amministrazione locale. «Il Comune di Paolo Afonso ci sta sostenendo con fornitura di attrezzi, sementi, concime e la commercializzazione dei prodotti nelle mense scolastiche o attraverso alcuni supermercati locali interessati alle nostri prodotti biologici - conclude monsignor Zendron - continuerà il progetto “Agricoltura Famigliare”, che vede impegnate una trentina di famiglie locali in attività di micro agricoltura ed integrazione del reddito lavorativo. Si vuole creare un “angolo” di speranza e sviluppo per la comunità brasiliana, sicuri di trovare attenzione e sostegno in tutti i trentini sempre attenti ai più poveri. La Divina Provvidenza ci ha sempre accompagnati in ogni progetto, andiamo avanti con fiducia in questo difficile momento».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy