Salta al contenuto principale

Estradata dalla Spagna

la giovane trentina arrestata

con l'accusa di terrorismo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

È stata estradata in Italia l’anarchica Francesca Cerrone. La donna, 31enne di origini trentine, si trovava in Spagna ed era destinataria di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a seguito di un’inchiesta della Procura di Roma che aveva portato un mese fa a sette ordini di arresto, tra cui la stessa Cerrone, eseguiti dopo le indagini dei Ros nei confronti di un’organizzazione che secondo l’accusa aveva come base un centro sociale della capitale e puntava a organizzare un movimento eversivo.

Sulla 31enne - accusata di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, detenzione e porto di materiale esplosivo - pendeva un mandato di arresto europeo. L’iter di esecuzione del mandato si è sviluppato in Spagna il 12 giugno 2020, nei pressi di Almeria, dove si trovava l’anarchica, atterrata in queste ore a Fiumicino e consegnata alla polizia penitenziaria per la successiva traduzione al carcere di Latina.

Francesca Cerrone, diplomata al liceo scientifico Maffei di Riva del Garda, da anni gravita attorno al centro sociale Bencivenga Occupato di Roma e il mese scorso stava lavorando in una hacienda, è stata fermata su mandato di arresto europeo.

A Riva del Garda e dintorni la notizia del’arresto era stata accolta con incredulità. Francesca, ota anche come ex promessa delt ennis, è ricordata in Busa e a Limone, dove la famiglia si è poi trasferita, anche se da anni non si vedeva spesso in giro.

Dopo gli studi superiori a Riva, tra l’altro conclusi con un ottimo voto finale, Cerrone si è iscritta alla facoltà di filosofia di Bologna. Anche qui ha completato bene il suo percorso accademico ottenendo sia la laurea triennale che quella specialistica. I suoi contatti con l’Alto Garda si sono fatti più sporadici, mentre la giovane è entrata a far parte di associazioni umanitarie che operano in diversi paesi stranieri a favore di minoranze e infanzia.
Francesca Cerrone è figlia di due stimati medici di base, ora in pensione, e ha una sorella più grande che ha seguito le orme dei genitori e ora lavora a Londra.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy