Salta al contenuto principale

I cellulari che usiamo sempre

dannosi per la natura e l'uomo

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

Gli alunni della terza A della medie Fogazzaro hanno riassunto nel video «Smart? ma non troppo» un percorso triennale interdisciplinare di italiano, geografia e tecnologia su un progetto di educazione alla cittadinanza globale quanto mai interessante. Guidati da Silvia Ricci, responsabile della formazione nelle scuole dell'Associazione Mazingira con le docenti Maria Teresa Mauro e Rita Palma, i ragazzi hanno riflettuto sull'impatto socio-ambientale della filiera produttiva delle moderne tecnologie, imparando cose che in precedenza non consideravano: che la costruzione di un cellulare e di tutti gli apparecchi tecnologici che usiamo quotidianamente è complessa, lunga, impattante e anche dolorosa.

Per estrarre le materie prime necessarie alla loro produzione, sono coinvolte le popolazioni dei paesi più poveri e nel processo estrattivo e non solo s'inquina e si distruggono risorse ambientali preziose, oltre a fomentare guerriglie e distruggere villaggi. E ancora: per l'assemblaggio degli strumenti tecnologici è utilizzata su larga scala la manodopera minorile.

Durante il percorso sono stati prodotti un video di "contro-informazione" per sensibilizzare i coetanei, ma non solo, sul "lato oscuro" della produzione degli apparecchi elettronici e un altro video, sotto forma di intervista, per esplorare il rapporto quotidiano che i ragazzi hanno con i device moderni. Quest'anno, infine, gli alunni si sono divertiti a giocare e con auto-ironia hanno vestito i panni di attori, per cercare di raccontare il rapporto della nostra società con le nuove tecnologie, spaziando dalla disinvoltura e dall'abuso con cui i nativi digitali si accostano a tali strumenti, fino all'incredulità e alla difficoltà dell'utilizzo degli stessi da parte dei più anziani, immedesimandosi nei comportamenti e nelle modalità con cui vivono il digitale i propri genitori e i propri nonni, sviluppando altresì in loro stessi la consapevolezza dell'uso eccessivo che fanno quotidianamente dello smartphone. Partner del progetto (co-finanziato dalla Provincia) sono stati: le associazioni In Medias Res, Docenti Senza Frontiere, Viração&Jangada e il Muse.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy