Salta al contenuto principale

L'82 per cento degli studenti

universitari a Trento trova lavoro

entro un anno dalla laurea

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

La maggior parte dei laureati all’Università di Trento nel 2019 è impegnata in un’attività retribuita, di lavoro o di formazione (78,2%). Il dato emerge dal ventiduesimo «Rapporto sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati», elaborato dal consorzio interuniversitario AlmaLaurea sulla base di 3.699 studenti laureatisi nel 2019.

Tra i laureati di secondo livello del 2018, intervistati a un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione è pari all’82,7% (85,8% tra i magistrali e 75,1% tra i magistrali a ciclo unico).

Il tasso di disoccupazione, calcolato sulle forze di lavoro, è pari al 6,5%. Il 29,5% degli occupati può contare su un contratto alle dipendenze a tempo indeterminato, mentre il 34,5% su un lavoro non standard (a tempo determinato).

Il 9% svolge un’attività autonoma. Il 58,8% degli occupati ritiene la laurea conseguita molto efficace o efficace per il lavoro che sta svolgendo.
La retribuzione è in media di 1.361 euro mensili netti (1.387 euro per i magistrali biennali e 1.268 euro per i magistrali a ciclo unico).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy