Salta al contenuto principale

Crollo reati con il lockdown

352 casi di violenza di genere

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

Il numero dei crimini consumati in provincia di Trento continua a calare. Esclusi i mesi di «lockdown» (in cui la variazione è stata del -20% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), tra il 2018 e lo scorso anno si è registrata una diminuzione di reati del 10%.

Il dato emerge dalla relazione annuale del comando provinciale dell’Arma dei carabinieri di Trento, che riporta una decrescita complessiva del numero di crimini, passati da 9.706 a 8.594 unità. I carabinieri, distribuiti in 79 comandi provinciali, hanno proceduto per poco più dell’83% dei reati, assicurando oltre 11.000 servizi e affiancando circa 50.000 esercizi pubblici e imprese nella riapertura.

Le operazioni di ampio respiro hanno visto impegnati gli agenti del Ros contro lo sfruttamento della prostituzione, il contrasto allo spaccio (con 103 chilogrammi di sostanze sequestrate e 202 persone arrestate o denunciate) e ai furti in appartamenti (con 169 arresti e 381 denunce).

Il Nas sta effettuando le verifiche sui decessi causati dalla pandemia nelle case di riposo. I carabinieri sono intervenuti in 352 casi di violenza di genere, mentre sono 170 i trentini che hanno chiesto di entrare nel corpo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy