Salta al contenuto principale

Bracconaggio e armi illegali

in Vallagarina e valle dell'Adige

Tre arresti e numerose denunce

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

Armi clandestine ed armi modificate con silenziatori e relative munizioni sono state sequestrate dal corpo forestale trentino in esecuzione di vari decreti di perquisizione emessi dalla Procura di Trento su 12 obiettivi sparsi tra la valle dell'Adige e la Vallagarina.

Eseguiti tre arresti (domiciliari) per reati in materia di armi e denunciate numerose persone che dovranno rispondere di reati in materia di caccia.

L’operazione si è conclusa dopo mesi di indagini iniziate nell’estate del 2019. Durante il controllo sono stati ritrovati e sequestrati anche strumenti per la fabbricazione di armi, attrezzatura per la cattura di avifauna, uccelli appartenenti a specie non cacciabili e quantitativi di carne di selvaggina non compatibili con i relativi certificati di detenzione e provenienza.

Un ringraziamento è  stato espresso al Corpo forestale dall’assessore all’agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli, a nome di tutta la Giunta provinciale. «La vostra opera di vigilanza e prevenzione e è di grande importanza per un territorio come il nostro - ha detto - e contribuisce a fare del Trentino una terra  attenta all’ambiente e alla fauna selvatica, nostre risorse preziose».

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy