Salta al contenuto principale

«Non dimenticare i musei»

L'appello di quattro direttori

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 7 secondi

I dirigenti di quattro strutture museali trentine hanno sottoscritto un appello sul futuro, sulla «fase due» del Coronavirus, invitando l'amministrazione a non dimenticare i musei, enti centrali nella diffusione della cultura. Giovanni Laezza , presidente della Fondazione Museo Civico di Rovereto, Alberto Miorandi , presidente del Museo della guerra di Rovereto, Mimma Primerano , direttrice del Museo Diocesano Tridentino e Matteo Rapanà , responsabile del Mag di Riva, hanno deciso di unirsi in un appello: «Da giorni, al centro del dibattito - scrivono - è subentrata la riflessione sulla cosiddetta "fase due", la programmazione che porterà, auspicabilmente, a una graduale riapertura. Ci auguriamo che non ci si dimentichi dei Musei e delle istituzioni culturali in genere, non a caso individuate a livello legislativo come "servizi pubblici essenziali"». 

I quattro dirigenti museali ricordano che le loro istituzioni si sono subito attivate per garantire un servizio di qualità anche a distanza, «con proposte volte a creare una valida alternativa educativa ma anche uno svago intelligente e un servizio alle tante famiglie "in clausura". Hanno coinvolto i propri ricercatori, i collaboratori, gli operatori didattici e i curatori, con uno sforzo tecnico e finanziario non indifferente e una capacità di adattamento fuori dal comune». Così i Musei «hanno continuato ad assolvere al loro ruolo. Non ci siamo risparmiati».

Ora, nel momento in cui i decisori politici discutono di ripartenza, di procedure di finanziamento, di settori che potrebbero riaprire, «auspichiamo che anche i musei rientrino sin da subito nella riflessione e nella programmazione». 
I sottoscrittori ricordano che i musei producono cultura, sono irrinunciabili vettori di socializzazione, di arricchimento e di benessere personale; «sono luoghi dell'emozione di fronte al bello, cibo per la mente».

In una parola, aggiungiamo, sono indispensabili. Laezza, Miorandi, Primerano e Rapanà si preoccupano della tutela dei visitatori, ricordando che «i nostri Musei sono in grado di assicurare quel massimo di sicurezza, regolando l'afflusso del pubblico e corretti comportamenti dei lavoratori. Dunque non sarà così complesso attenersi con responsabilità alle regole di prevenzione predisposte dalle nostre istituzioni centrali e provinciali». Non è questo a spaventarli, ma «l'eventualità che luoghi preziosi per l'arricchimento culturale ed educativo delle nostre collettività rimangano chiusi perché ritenuti trascurabili. Al contrario - ricordano - sosteniamo che la conoscenza scientifica, la memoria storica, l'arte, la cultura più in generale, sono componenti imprescindibili e identitari per tutti noi esseri umani. Per questo riteniamo opportuno che i luoghi in cui tutti questi elementi sono fruibili, vengano rimessi rapidamente nelle condizioni di assolvere alla loro funzione e contribuire, al pari di altri settori, a superare questo drammatico momento della nostra società».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy