Salta al contenuto principale

14 decessi in Trentino nelle ultime 24h

Fugatti: «Dura tornare a vita di prima»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 19 secondi

Ci sono altri 14 caduti sul fronte del coronavirus in Trentino, che portano il totale dall’inizio della crisi a 244.

I nuovi contagi sono 125, di cui 116 certificati da tampone. Il totale dei positivi sale a 3.236. I nuovi guariti sono 62.

«Registriamo ancora un numero importante di decessi - ha detto il presidente della Provincia Maurizio Fugatti nella quotidiana conferenza stampa della «task force» anti coronavirus - e anche i contagi sono in crescita, ma questo succede anche perché facciamo più tamponi (800 oggi)».

Fugatti è stato molto chiaro anche su quello che ci aspetta nel breve-medio termine: «Stiamo ovviamente ragionando sulla riapertura, ma per la ripresa attendiamo quello che ci dirà la comunità scientifica. Le restrizioni hanno portato a una stabilizzazione e a un calo del contagio».

Secondo i modelli matematici a diposizione, ha spiegato Fugatti, continuando così, a fine aprile dovremmo avere circa una decina di nuovi contagi al giorno.

«Con minori restrizioni, i contagi sarebbero, secondo i modelli matematici, maggiori».

E ancora: «Non siamo sordi al grido di dolore delle categorie economiche, ma non sarà una riapertura completa. Non ci sono ancora le condizioni per tornare alla vita di prima. Il rischio è di far ripartire il contagio».

I CONTROLLI

Gli ultimi dati ci dicono che ieri sono state controllate 2.382 persone, con 122 sanzionati. Controllati anche 1.007 esercizi commerciali.

Il presidente della giunta ha annunciato una stretta sui controlli per le seconde case.

MASCHERINE

Tra ieri e stamattina sono state distribuite circa 360mila mascherine nei negozi e nei supermercati.

«Segnalate alle autorità competenti se c’è una speculazione sul prezzo delle mascherine. Ben vengano le segnalazioni, fatele alle autorità competenti, perché non si può speculare sul prezzo di una mascherina».

BONUS ALIMENTARE

Sono circa 8mila le domande pervenute ad oggi per ottenere il bonus alimentare. Il 60% delle richieste arriva da Trento, Rovereto e Alto Garda.

Le domande verranno ora esaminate e poi partiranno i versamenti.

I DATI COMUNE PER COMUNE

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy