Salta al contenuto principale

Campiglio: scalatore di 33 anni

precipitato da una falesia

portato in elicottero al S. Chiara

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

È stato elitrasportato all’ospedale Santa Chiara di Trento con politraumi uno scalatore di 33 anni che questo pomeriggio è scivolato per diversi metri mentre stava praticando in solitaria il Dry-tooling - una tecnica che consiste nello scalare una parete di roccia utilizzando l’attrezzatura da ghiaccio, ovvero picozza e ramponi - in una falesia nei pressi di Madonna di Campiglio. La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata verso le 15.25 da parte dei familiari dell’infortunato preoccupati per la sua assenza.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino ha chiesto l’intervento dell’elicottero e di una squadra di operatori della Stazione Madonna di Campiglio.

L’infortunato, un uomo del posto, si trovava alla base della falesia in stato cosciente. È stato raggiunto dai soccorritori e dall’equipe medica; dopo essere stato stabilizzato, è stato verricellato a bordo dell’elicottero per il trasferimento all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Il Soccorso alpino sta raccomandando, anche con un video diffuso sui social, di non fare attivività all’aperto specie se rischiose, ma rispettare i divieti, perché in questa situazione di emergenza per il Coronavirus si mette in pericolo ancora di più non solo la propria vita ma anche quella dei soccorritori.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy