Salta al contenuto principale

Passeggiate, la Pat si adegua

Anzi no: «Non si esce»

Ma i dubbi restano

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

Che le idee delle autorità pubbliche sulla questione delle passeggiate e dell’attività motoria siano un po’ confuse, lo si era capito. Tra circolari, chiarificazioni delle circolari e note interpretative delle chiarificazioni delle circolari.

E adesso ci si mette anche la Provincia di Trento. Che ieri, in merito alla nota del Viminale sulla possibilità di uscire di casa per genitori e bambini, pur nella prossimità dell’abitazione, aveva fatto sapere che «recepiamo la circolare del Viminale: ok anche in Trentino alla passeggiata di un solo genitore con i figli minori, purché in prossimità della propria abitazione». Restava il dubbio, invece, sul jogging: nonostante precisazioni sulle precisazioni da parte del governo, la questione non è risultata comunque chiara. «Diciamo che noi restiamo sulla “passeggiatina” intorno a casa», spiegavano dalla Provincia. Probabilmente in attesa di “tradurre” la circolare e aspettando eventuali nuovi dietrofront.

Questa mattina, però, in piazza Dante qualcuno ha cambiato idea, ed è arrivato uno scarno comunicato.

«Le limitazioni ad uscire di casa poste dai precedenti provvedimenti del Governo nazionale e provinciale per contenere la diffusione del virus non sono venute meno. Bisogna continuare a restare a casa. Lo specifica la Giunta provinciale. Niente jogging dunque e uscite concesse solo per reali e comprovate necessità».

Un comunicato stampa, però, non è un atto giuridico, e dunque resta il dubbio: sulla base di cosa si vietano le passeggiate genitore-figli vicino a casa, se lo stesso ministero dell’interno le ammette?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy