Salta al contenuto principale

Notabili di Messina a Campiglio

Scatta l'indagine della Questura

dopo la denuncia del sindaco

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

«Parte di una comitiva di professionisti che dopo una vacanza a Madonna di Campiglio rientrati a Messina con un volo da Bergamo» una decina di giorni fa «non ha segnalato il ritorno all’Asp e non si è messa in auto isolamento fiduciario per 14 giorni, come disposto dal Dpcm e dall’ordinanza del presidente delle Regione». Lo afferma, in una nota, il sindaco Cateno De Luca, sottolineando che la polizia municipale «ha acquisito i loro nominativi».

«Parliamo - spiega De Luca - di medici, commercialisti, avvocati e tanti altri notabili della città, che sono stati in contatto con centinaia di persone tornati dalle vacanze in montagna. Abbiamo chiesto alla Questura di Trento - aggiunge il sindaco di Messina - di accertare se altri cittadini messinesi abbiano soggiornato in altre strutture alberghiere o B&B per verificare chi ha rispettato le prescrizioni del Dpcm e chi, invece, se ne sia infischiato continuando a svolgere una vita sociale incurante delle prescrizioni sanitarie ed esponendo al rischio del contagio tutte le persone con le quali è entrato in contatto».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy