Salta al contenuto principale

Il Trentino si prepara a tanti contagi

A Marco allestito un ospedale da campo

Rinviati interventi chirurgici e visite

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

L’Azienda sanitaria sta facendo fronte all’aumento di ricoverati per Covid-19, ma si sta anche preparando a quando il numero potrebbero essere molto più alto. Ed ecco che dopo aver predisposto l’aumento di posti letto in Anestesia e rianimazione a Rovereto, aver creato un maggior numero di posti letto per infettivi, aver coinvolto istituti privati e la pneumologia di Arco, iniziano a slittare parte delle visite ambulatoriali non urgenti alle persone più fragili o immunodepresse e anche una serie di interventi chirurgici, soprattutto quelli che necessitano di un possibile ricovero nelle Rianimazioni di Trento e Rovereto che invece vanno tenute il più possibile libere.
«Là dove possiamo garantire continueremo a farlo - ha detto il direttore Bordon - però non è più come una settimana fa».

A questo si aggiunge che è stato allestito un ospedale da campo a Marco di Rovereto e che a breve saranno organizzati nuovi controlli in tutti i vari ingressi del S. Chiara. Il capo della Protezione civile trentina, Raffaele De Col, ha spiegato: «A Marco di Rovereto abbiamo montato un ospedale da campo di cui disponiamo da qualche anno. L’abbiamo montato per vedere se era funzionante e a posto. Quindi, se si dovesse verificare l’esigenza di utilizzarlo, è disponibile. Stiamo preparandoci ad affrontare tutto quello che servirà e prepariamo tutto quello che possiamo fare»

Intanto, i numeri forniti dal direttore generale Paolo Bordon fanno emergere che i trentini hanno accolto l’invito a non recarsi al Pronto soccorso se non per vere urgenze. A Trento gli accessi sono scesi del 38% per il Pronto soccorso degli adulti mentre al pediatrico addirittura del 58%. Calo sensibile anche a Cles (-42%) e Cavalese (-48%), ma anche a Rovereto (-32%), ad Arco (-28%), a Borgo (-26%) e a Tione(.39%) con una media complessiva che sfiora il 39%. Senso di responsabilità, ma anche paura perché gli ospedali sono ovviamente dei luoghi a rischio. Aumentati, invece, i casi di polmonite, uno dei sintomi principali di Covid-19. Nel periodo dal 1 al 9 marzo erano state 72 nel 2018 e sono state 97 nel 2020 (62 ricoverati).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy