Salta al contenuto principale

Coronavirus: si torna in classe

raffica di regole per l'igiene

- LEGGI LA CIRCOLARE

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

Lunedì 2 marzo bimbi, scolari e studenti trentini tornano in classe, ma non senza una serie di prescrizioni per l'igiene e l'organizzazione delle lezioni che condizioneranno non poco la vita scolastica di alunni e professori.

In una circolare del Dipartimento istruzione e cultura della Provincia inviata ai dirigenti scolastici si indicano infatti nel dettaglio le nuove regole quotidiane che dovranno essere fatte applicare a professori, scolari e studenti.

Igiene e cura

Lavarsi le mani rischia di diventare un'ossessione. Si prescrive infatti che bambini, alunni, studenti e docenti si lavino frequentemente le mani, che vuol dire:

- Ogni volta che si tossisce o starnutisce

- Ad inzio e fine scuola

- Prima e dopo la pausa pranzo

Si raccomanda che ogni scuola si doti di un dispenser per igienizzare le mani, come alternativa al lavaggio. E l'utilizzo di fazzoletti monouso, rendendo disponibili fazzoletti di carta.

Ricreazione e arieggiamento

Si prescrive l'arieggiamento frequente delle aule scolastiche (da un minimo di 5 minuti fino a 15 minuti):

- Prima dell'inizio delle lezioni

- Al termine di ogni ora di lezione

- Durante la pausa

- Alla fine delle lezioni

La ricreazione si deve svolgere il più possibile all'aperto evitando le concentrazioni di alunni.

Vanno poi avvertiti subito i genitori se gli alunni presentano tosse stizzosa e persistente, febbre, congiuntivite.

Analoghe prescrizioni sono previste per le scuole per l'infanzia.

Ecco la circolare

 


L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy