Salta al contenuto principale

Coronavirus: l'economia trentina trema

Turismo, allarme sugli arrivi

Industria, tante aziende sono ferme

Il Governo annuncia per venerdì due decreti con le misure economiche

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 17 secondi

L’economia trentina fa i conti con il Coronavirus e le sue conseguenze. Gli albergatori e gli operatori turistici sono molto preoccupati, visto che dopo la notizia dei tre turisti lombardi positivi al Covid-19, dall’altro ieri nelle caselle mail di una serie di strutture sono arrivate decine di disdette (ieri si è aggiunta la turista a Dimaro).

Ma non solo, il timore è che se gli effetti del Coronavirus continueranno per alcune settimane, o peggio, fino a primavera, non solo la Pasqua ma anche l’estate potrebbe venire messa a rischio e chiedono di considerare aiuti alle imprese e ai lavoratori. Da parte sua l’assessore all’economia Achille Spinelli spiega che prima di mettere in campo misure di sostegno «monitoreremo e poi ragioneremo» e che esiste «il Fondo di solidarietà che può intervenire anche in ambito turistico».

L’altro ieri nel vertice tra la Provincia, gli imprenditori e i sindacati si è toccata con mano la preoccupazione dei vari comparti economici. Hanno messo in evidenza alcune difficoltà gli Industriali trentini: «Il Coronavirus farà calare il Pil in Italia e in Trentino - sottolinea Roberto Busato al termine della riunione - Ci sono una ventina di aziende trentine che hanno bloccato o rallentato la produzione per mancanza di componentistica in particolare per le forniture in arrivo dalla Cina, ma non solo». Alle imprese Confindustria consiglia di limitare le trasferte all’estero e di sottoporre i manager che rientrassero in Italia da zone a rischio di farsi controllare chiamando il 1500. Preoccupati gli Albergatori. Il presidente dell’Asat Giovanni Battaiola spiega che tanti Stati esteri di fatto sconsigliano i viaggi in nord Italia come Irlanda e Israele, mentre Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti invitano i propri viaggiatori a fare più attenzione. «La Bulgaria, poi, - sottolinea Battaiola - mette in quarantena due settimane chi torna da una vacanza in Italia. Questa cosa ci fa preoccupare molto, anche perché mette a rischio marzo e la Pasqua. Abbiamo chiesto a Trentino Marketing di fare una campagna promozionale, mentre daremo ai nostri associati una serie di informazioni per tranquillizzare i clienti sulle misure che garantiscono la loro salute in Trentino». Ieri alberghi di varie zone hanno ricevuto disdette, anche a «Trento e in Bondone - dice Natale Rigotti, della sezione Asat di Trento - Apprezziamo la tempestività dell’azione di Fugatti con le ordinanze, ora dobbiamo sperare che la situazione non vada avanti troppo, altrimenti sono guai seri».

I segretari di Cgil Cisl Uil, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti hanno chiesto «un luogo agile dove scambiarsi velocemente le informazioni utili per gestire l’emergenza anche sui luoghi di lavoro». Sul punto Spinelli, ha confermato «la disponibilità a mettere in atto questa e ogni altra forma di coordinamento». Per quanto riguarda l’ordinanza Cgil Cisl Uil attueranno nelle loro sedi le disposizioni per cui ogni persona deve avere uno spazio minimo di 2 metri quadri. «Chiediamo però che lo stesso principio venga fatto rispettare in tutti i luoghi di lavoro e in tutti i contesti aperti al pubblico, a partire dagli uffici della pubblica amministrazione. Considerato il tenore dell’ordinanza se non c’è la possibilità di rispettare questi parametri deve essere prevista la chiusura degli uffici o il contingentamento degli accessi».

Intanto ieri sera il consiglio dei ministri ha effettuato un primo giro di tavolo sulle misure economiche per far fronte all’emergenza Coronavirus.

L’orientamento, a quanto si apprende al termine della riunione, è portare venerdì in Cdm un nuovo decreto legge contenente nuove disposizioni per i Comuni della zona rossa e per le imprese.

Le misure per le imprese colpite dal coronavirus riguarderanno anche «settori trasversali, come il turismo» ha annunciato il ministro dell’economia Roberto Gualtieri, che ha aggiunto: «Stiamo immaginando un decreto specifico in settimana per le zone rosse con interventi massicci e in 7-10 giorni un secondo decreto più generale per le imprese e i cittadini che subiscono le conseguenze del rallentamento dell’economia» a causa del Coronavirus.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy