Salta al contenuto principale

Molestò due ragazze sul bus

a Gardolo, ora Trentino Trasporti

vuole essere parte civile al processo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

La Giunta provinciale di Trento invita Trentino Trasporti a esporre il danno all’immagine sulla sicurezza del trasporto pubblico a fronte di un caso di molestie a bordo di un bus.

«Potrebbe essere un caso pilota - sottolinea il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti - e in ogni caso anche se tecnicamente non dovesse avere un esito positivo, riteniamo doveroso far passare il messaggio che i mezzi di trasporto rappresentano un luogo frequentato tutti i giorni da cittadini e studenti - sono oltre 45.000 i ragazzi che viaggiano quotidianamente sui servizi di linea - da tutelare sotto ogni profilo, rispetto a chi sui mezzi non si attenga a regole di buona cittadinanza, decoro e, nei casi più gravi, arrivi a compiere reati».

«Abbiamo attivato le telecamere su tutti i bus urbani - aggiunge Fugatti - perché il trasporto rappresenta un servizio universale, per lo più utilizzato da utenza “debole”, giovani in particolare. La percezione dell’utenza deve restare quella di un servizio regolare e sicuro sotto tutti i profili».

PARTE CIVILE, Sì o NO? "La notizia è ovviamente da salutare con interesse" ci spiega il segretario della Filt-Cils del Trentino, Massimo Mazzurana. "Ricordiamo che la costituzione di parte civile da parte della società è già in vigore da anni, ed è automatica in caso di lesioni o danneggiamenti al personale ed ai mezzi". In questo caso, quindi, si tratterebbe di estendere la costituzione di parte civile anche per molestie nei riguardi dei passeggeri. Ma non è così semplice: è il giudice - in questo caso - che deve stabilire se ammettere Trentino Trasporti in giudizio. La società deve per questo dimostrare che ha subito un danno dal fatto che un passeggero ha molestato due ragazze a bordo dell'autobus.

IL "PULSANTE ROSSO" D'ALLARME  installato a maggio sugli autobus urbani di Trento, il famoso "pulsante rosso" di allarme istantaneo a bordo degli autobus urbani è stato salutato come la soluzione ai problemi di incolumità degli autisti. Ma come sta andando? "In realtà è attivo solo da pochi mesi - ci spiega Mazzurana della Fit Cisl - e dati ufficiali non ne abbiamo ancora. Ma comunque si tratta di pochissimi casi, sporadici". Insomma: in sette mesi, il pulsante di allarme sarebbe stato usato solo un paio di volte. 

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy