Salta al contenuto principale

Not, c'è un nuovo ricorso

Pizzarotti al Tar: contesta

l'aggiudicazione a Guerrato

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

Arriva l’immancabile ricorso nella gara d’appalto per il Not, Nuovo ospedale del Trentino. Anche se venerdì a mezzanotte, trenta giorni dopo il provvedimento della Provincia che aggiudicava la gara, il termine è scaduto senza che fossero arrivate comunicazioni di questo tipo, il ricorso può essere notificato con i normali canali postali.

Secondo fonti a conoscenza del dossier, il ricorso al Tar dell’azienda Pizzarotti di Parma, seconda arrivata in gara, contro l’aggiudicazione alla Guerrato di Rovigo sarebbe in arrivo. I tempi per il Not quindi si allungano di nuovo, con le udienze al Tribunale amministrativo regionale e poi, presumibilmente, al Consiglio di Stato. Unica consolazione: i concorrenti sono solo due e quindi alla fine l’appalto in project financing sarà aggiudicato o all’uno o all’altro.

L’offerta presentata da Guerrato e dichiarata vincitrice prevede 812 giorni per costruire l’ospedale in via al Desert, contro i 1.320 fissati nella gara effettuata secondo le regole del project financing (chi vince paga una quota dell’edificio ma ottiene un canone di gestione annuo). La durata della concessione si riduce a 9.927 giorni (27 anni circa).

Sconti sono stati proposti anche sul canone annuo dei servizi, da 40,85 milioni di euro ai 35,86 milioni offerti, e su quello di disponibilità annuo, da 15,3 a 13,46 milioni. Considerando che la base di gara per l’edificio era di 278 milioni, di cui 217 per la costruzione, 40 per le attrezzature e 20,6 milioni per la progettazione, e di essa 148 milioni sono a carico della Provincia, il valore della concessione per Guerrato sarà di 1,488 miliardi, che diventano 1,6 miliardi con la quota che metterà l’azienda, contro un valore a gara di 1,802 miliardi.

La ricorrente Pizzarotti, dal canto suo, ha offerto 902 giorni per l’esecuzione dei lavori e 10.244 giorni di durata della concessione (28 anni). Il canone annuo dei servizi è pari a 37 milioni, mentre il canone di disponibilità offerto da Pizzarotti sfiora i 14 milioni. Se vincesse il ricorso, quindi, Pizzarotti vincerebbe la gara con un’offerta di 1,576 miliardi, che diventano 1,7 miliardi con la quota a carico dell’impresa.

In ogni caso la Guerrato, o la Pizzarotti se vincesse il ricorso, per firmare il contratto e avviare i lavori dovranno costituire la società di progetto e raggiungere l’accordo con gli istituti bancari finanziatori per garantire la bancabilità dell’intervento. Il vincitore diventa infatti il promotore dell’opera in project financing, ha cioè un ruolo simile a una stazione appaltante pubblica. Una volta firmato il contratto, partirà l’iter per la progettazione esecutiva che durerà diversi mesi.
Anche senza ricorso, i lavori non sarebbero partiti prima dell’anno prossimo. Ora i tempi slitteranno.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy