Salta al contenuto principale

Sono troppi gli incidenti

con i "ramponcelli": il monito

del Soccorso Alpino Veneto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

Catenelle o ramponi? Da qualche tempo si è diffusa la moda di usare - su neve e ghiaccio - i comodi “ramponcelli”. Costano relativamente poco, sono facili da calzare con ogni tipo di scaropone e possoino stare nello zaino perché ingombrano e pesano poco. Ma non sono assolutamente adatti a situazioni di neve dura, su pendenza o su ghiaccio in montagna.

Lo spiega bene un articolo pubblicato dal Soccorso Alpino del Veneto, dopo i numerosi casi di incidenti - anche gravi - localizzati soprattutto nella zona del Pasubio e del Carega.

Scrive il Soccorso Alpino: in questo inverno con poca neve e temperature che facilitano disgelo e nuovo repentino congelamento del manto, gli incidenti causati da scivolate sul ghiaccio, purtroppo anche mortali, si sono registrati numerosi in tutto l’arco alpino e anche da noi. Nelle parole del nostro vicepresidente Giovanni Busato il pensiero del Soccorso alpino e speleologico Veneto.

«Il tema catenelle/ramponcini o ramponi è da tempo oggetto di discussioni soprattutto tra gli escursionisti.
Le prime erroneamente indicate per chi si avvicina alla montagna su facili sentieri, comode con ogni calzatura, leggere e relativamente economiche; i secondi, i ramponi, scomodi perchè richiedono calzature ramponabili che comportano una maggior spesa complessiva, ma che, comunque, sono necessari solo per imprese impegnative in ambienti alpinistici e severi.
Questo tipo di comportamento si basa su un grave errore di valutazione che può costare molto caro. Infatti non esiste un attrezzo “per le prime volte” o per i principianti “tanto per provare”... da usare su neve dura o sul ghiaccio.
Va detto chiaramente che le “catenelle” possono essere utilmente impiegate solo per percorrere strade innevate e pianeggianti soprattutto consapevoli dei limiti di un attrezzo spesso calzato su pedule inadeguate, ma appena si imbocca un qualsiasi sentiero alpino innevato o ghiacciato che magari sale attraversando versanti ripidi o canali privi di ostacoli o che sovrasta tratti di rocce verticali, l’uso dei ramponi e della piccozza diventa fondamentale per la sicurezza; i ramponi per la progressione, la piccozza per arrestare eventuali scivolate.

Va da sé che le modalità di utilizzo, come per ogni altra attrezzatura alpinistica, vanno studiate prima di affrontare la montagna, al pari dello studio del percorso e della raccolta delle informazioni sulle eventuali difficoltà che si andranno ad affrontare, in modo da essere consapevoli delle proprie scelte.
L’inciso ovviamente si riferisce al confronto catenelle vs ramponi; chiaro che la dotazione tecnica minima di un gruppo di amici che affronta un’escursione in montagna contempla possibilmente anche uno spezzone di corda, qualche moschettone, alcuni cordini».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy