Salta al contenuto principale

Sulle strade europee

25mila morti all'anno:

uno su 4 dovuto all'alcol

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Ci sono 25mila morti sulle strade europee ogni anno, il 25% dovute alla guida in stato di ebbrezza e i rischi cominciano ben prima di essere ubriaco.

L’etilometro blocca-motore, che impedisce al veicolo di partire, è stato introdotto in alcuni Stati Ue, dove è richiesto per i conducenti cui è stato rilevato un tasso alcolemico elevato, e alcune compagnie di taxi e trasporti la installano in maniera volontaria. I risultati di questa tecnologia sono al centro di un incontro internazionale alla Stampa estera a Roma, promosso dalla Fondazione Ania per la sicurezza stradale e dall’European Transport Safety Council.

«La tecnologia può offrire un valido aiuto con i sistemi “alcohol lock” e proponiamo di renderli obbligatori per i recidivi», spiega Umberto Guidoni, segretario generale della Fondazione Ania: «Abbiamo sollecitato l’obbligo come sanzione aggiuntiva a quelle già previste dal codice. Il settore assicurativo sta facendo una sperimentazione sugli autobus turistici con riscontri positivi, su 10 milioni di km testati non abbiamo avuto nessun autista risultato in stato d’ebbrezza.

Ma è un dispositivo costoso, il cui prezzo si aggira intorno ai mille euro, e sollecitiamo le case produttrici ad abbassare i costi».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy