Salta al contenuto principale

Psicosi coronavirus: anche da noi

mascherine esaurite in farmacia

(a ci sono le liste d'attesa...)

Chiudi
Apri

Ansa

Tempo di lettura: 
3 minuti 6 secondi

Sono 8.521 i chilometri che separano Trento e Wuhan, ma anche in città la paura per l’epidemia di Coronavirus è molto forte. A dimostrarlo il fatto che le mascherine, di carta oppure professionali, stiano andando a ruba nelle farmacie trentine. Tanto da essere esaurite quasi ovunque. Che poi, in realtà, servano a poco o nulla lo spiegano sia il dottor Bruno Bizzaro, presidente dei farmacisti, sia l’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero, che hanno fatto presente alla task force trentina per l’emergenza che «se nelle due settimane successive al ritorno da aree a rischio si dovessero presentare sintomi respiratori, a scopo precauzionale, bisogna indossare una maschera chirurgica se si è in contatto con altre persone» (insomma, tre “se” in una sola frase). 

Nel frattempo continua a essere bloccato a Wuhan lo studente dell’Università di Trento Lorenzo Di Berardino, che frequenta Giurisprudenza ed è in Oriente da metà agosto con una borsa di studio. «Purtroppo nessuna novità - commenta da Pescara il papà, l’avvocato Giulio Cesare Augusto Di Berardino - e Lorenzo sta ancora attendendo quel benedetto aereo che lo riporti in Italia. Abbiamo sentito Farnesina e ambasciata, ma ci dicono solo che sono in attesa di autorizzazione. Io sono in contatto costante con mio figlio, che inizia a essere comprensibilmente stanco di questa situazione, soprattutto per il silenzio e l’incertezza».
Oltre a Di Berardino ci sono altri tre studenti dell’Università di Trento bloccati in Cina: uno è un ragazzo cinese e gli altri due sono italiani ma non trentini. E, restando in ambito accademico, ci sono altri 5 studenti, tutti cinesi, che nei prossimi giorni dovrebbero essere a Trento per un progetto di scambio con la Facoltà di Giurisprudenza. Usiamo il condizionale perché al momento non vi è alcuna certezza sul loro arrivo e, casomai, se sia necessario accoglierli con qualche precauzione sanitaria. L’ateneo si sta coordinando con i ministeri degli esteri, della salute e dell’università per capire come agire.
Tornando alla questione delle mascherine da indossare su naso e bocca, spiega il dottor Bizzaro: «Effettivamente nella mia farmacia fino a quattro giorni fa avevo poco meno di una decina di scatole, tra quelle semplici, ovvero il velo di carta, e quelle professionali, e oggi ho finito tutte le scorte. Ho provato a fare un ordine, ma non credo arriveranno in tempi brevi come altri farmaci: di solito la disponibilità è immediata, mentre ora c’è una lista d’attesa».
Ovvero, anche nelle altre farmacie le scorte sono terminate e in molti hanno ordinato le nuove mascherine.
«È evidente - prosegue Bizzaro - che c’è una certa fobia, a mio avviso sicuramente eccessiva, se non irrazionale. In tutta Italia ci sono forse due casi sospetti, ma non accertati. E da noi in Trentino non ci sono ambienti come metro o aeroporti che potrebbero in linea teorica favorire il contagio».
Infine una curiosità, considerato che alcuni modelli delle mascherine vengono prodotti proprio in Cina e alcuni proprio a Wuhan. «Se quelli che avevo erano cinesi? Vado a memoria ma uno mi pare fosse “made in China”, però non so in quale città fosse prodotto. Ma anche in questo caso sarebbe una pura curiosità o una coincidenza, non certo un campanello d’allarme, perché sarebbero state realizzate mesi fa e il virus dopo qualche giorno diventa “innocuo”».
Nel frattempo in Trentino prosegue il lavoro della “task force” per l’emergenza Coronavirus, istituita in seguito alle indicazioni del Ministero per la Salute: ieri si è tenuto un incontro formativo rivolto ad alcuni mediatori culturali dell’Associazione Cinese Trentino, con l’obiettivo di predisporre un numero dedicato che l’Azienda provinciale per i Servizi sanitari attiverà nelle prossime ore al quale risponderanno i mediatori culturali cinesi con informazioni e dettagli per i propri concittadini.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy