Salta al contenuto principale

Il Centro Santa Chiara assume

14 precari, via libera dalla giunta

alla regolarizzazione

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

Sono 14 i dipendenti del Centro servizi culturali Santa Chiara di Trento che saranno stabilizzati.

Si tratta di personale precario, entrato in servizio a seguito di una selezione pubblica, che occupa funzioni essenziali, nell’area tecnica o amministrativa, per lo svolgimento delle attività dell’ente e che da diversi anni lavora ormai con contratti a tempo determinato.

Lo prevede una delibera approvata dalla giunta provinciale su proposta del presidente, Maurizio Fugatti con la quale si autorizza il presidente del centro  «Santa Chiara» Sergio Divina alla stabilizzazione delle posizioni di lavoro precarie.

Un impegno in tal senso era stato condiviso con le organizzazioni sindacali dall’assessore provinciale alla cultura, Mirko Bisesti nel corso del 2019, tenuto conto anche della volontà della Giunta di implementare le attività del "Santa Chiara", su suggerimento degli orientamenti usciti dal Forum della Cultura e per non pregiudicare l'operatività dell’Ente strumentale della Provincia, che necessita di un nuovo sguardo per il futuro.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy