Salta al contenuto principale

Torna “Il Trentino dei bambini”

Giochi, laboratori e sport

per tutto il weekend

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 53 secondi

Torna, il prossimo fine settimana, la fiera “Il Trentino dei bambini”, un’iniziativa annuale interamente dedicata alle famiglie e ai più piccoli, con laboratori, società sportive e associazioni ricreative e idee innovative per l’educazione e lo svago.



Promossa per l’ottavo anno consecutivo da Silvia Conotter e Manuela Zennaro, con il patrocinio del Comune di Trento e dell’Azienda di promozione turistica locale, la manifestazione si terrà tra sabato 25 e domenica 26 gennaio nel polo fieristico del capoluogo, in via Briamasco 2. Per l’occasione, sono attesi oltre ottanta espositori, tra cui enti e realtà specializzate, scuole musicali e istituzioni museali, cooperative impegnate nel settore e associazioni ludiche.
La fiera, organizzata su una superficie di circa cinquemila metri quadrati, si rivolge a bambini in una fascia di età compresa tra gli zero e i dodici anni, e si caratterizza per essere non tanto un appuntamento commerciale, quanto un’opportunità per conoscere l’offerta del Trentino e della regione per le famiglie.

Le sezioni dell’evento, infatti, si distinguono in base all’utilità effettiva della proposta, con ambiti riservati alle attività a contatto con la natura, consigli per il divertimento e l’attività sportiva, i lavoratori e le attività didattico -formative.

«La fiera - spiega Conotter, ideatrice della manifestazione - rappresenta un unicum a livello regionale e in tutto il Nord Italia, perché si basa interamente sull’esperienza. Non solo non vuole essere un appuntamento commerciale, ma si propone quale momento per entrare in contatto con molte delle realtà che, sul territorio del Trentino Alto Adige, si occupano di tutte le fasi dell’infanzia, fino alla preadolescenza».

All’interno dello spazio espositivo, le famiglie potranno scoprire servizi educativi e laboratori creativi e musicali, ma anche approfondire l’offerta di appositi messi in campo dalla pubblica amministrazione o da società private.

Tra le diverse attività in programma, vi sono corsi per conoscere lo stile di vita dell’uomo nella Preistoria, un’area gioco dedicata alle creazioni con i mattoncini colorati, avvicinamento al canto e alla pittura, nonché iniziative per lo sviluppo cognitivo e “truccabimbi”.
Un’intera area, quella al primo piano, sarà incentrata sull’attività sportiva oppure a nella natura, tra cui quelle a stretto contatto con gli animali.

La manifestazione si completa di una parte internamente dedicata alla prima infanzia, con realtà che si occupano esclusivamente di attività per bambini in età compresa tra gli zero e i cinque anni e di consulenza per i neogenitori. L’evento prevede, poi, la partecipazione di associazioni come la sezione locale della Croce Rossa italiana, che metterà in campo le conoscere degli operatori in tema di manovre salvavita in età pediatrica, e dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, che promuoveranno un percorso di sensibilizzazione dedicato.

Alla fiera sono attese circa ottomila persone. Per l’occasione, il parcheggio di Trento fiere sarà gratuito. La manifestazione aprirà i battenti sabato alle opre 10, fino alle 19; l’ingresso costerà 7euro (gratis i bambini sotto i due anni).


LE NOVITÀ

All’ottava edizione del “Trentino dei bambini” non mancheranno alcune attività particolari, inedite e di recente diffusione, in particolare in ambito sportivo.

Sarà possibile, ad esempio, cimentarsi nel parkour, disciplina e filosofia di vita metropolitana che prevede di superare saltando o correndo ostacoli tipici di un ambiente urbano, mettersi alla prova nel kung fu vietnamita o assistere a lezioni di kikboxing e di capoeira. Ancora, sono previsti giochi interamente in lingua inglese e, addirittura, un corso di spada laser con il rilascio di un attestato.

Per i padri al passo con i tempi, poi, è in programma un corso di acconciatura, in modo da poter fare trecce e code alle proprie figlie. Infine, assieme alla possibilità di toccare un frammento lunare, ci sarà anche uno spettacolo di Kamishibai, una forma di narrazione tipica giapponese.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy