Salta al contenuto principale

Il giorno dopo il furto all'Aquila Basket

sorpreso un giovane in giro in città

con indosso la roba rubata: denunciato

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

Non aveva aspettato molto, uno dei responsabili del furto della notte di Capodanno nello store dell’Aquila Basket, per cercare di rivendere la refurtiva. Né si era preoccupato di allontanarsi dal centro storico. Ma, quel che è più surreale, indossava lui stesso una delle magliette sparite dal negozio. Per questo gli agenti delle volanti della questura non hanno fatto troppa fatica, l’altro ieri sera, ad individuarlo.

Il giovane, un nordafricano, verso le 19 era stato visto aggirarsi nei dintorni di piazza Santa Maria Maggiore: all’arrivo della pattuglia della polizia, si trovava nella piazzetta 2 settembre 1943, lungo via San Giovanni. Era attorniato da un gruppo di persone, probabilmente possibili acquirenti della merce con la quale è stato trovato e che si sono subito dileguati.

Le scarpe e le magliette che aveva con sé - ma soprattutto ciò che indossava sotto la giacca - non hanno lasciato molti dubbi sul fatto che potesse essere collegato al furto della notte precedente.

Il giovane nordafricano è stato così accompagnato in questura, dove è stato identificato e denunciato in stato di libertà con l’accusa di ricettazione.
Le indagini delle forze dell’ordine - con i carabinieri che hanno curato i rilievi e gli agenti delle volanti che ora cercheranno di risalire a più elementi possibili in base alle eventuali testimonianze del giovane denunciato - stanno ora proseguendo per cercare di risalire anche alle identità di altre persone probabilmente coinvolte nel furto: la refurtiva che il nordafricano aveva con sé era infatti limitata rispetto a quanto asportato complessivamente dal negozio della società di basket, in piazzetta Lunelli: calzature e articoli di abbigliamento per oltre diecimila euro di valore.

Il lavoro di polizia e carabinieri è ora finalizzato a cercare di comprendere se il giovane denunciato abbia ricevuto da altri - in questo caso gli autori materiali del colpo - la refurtiva o se invece abbia nascosto altrove il resto dei prodotti rubati. O se, ancora, possa trattarsi solo di uno dei responsabili del colpo, che potrebbero essersi poi divisi quanto portato via dai locali del negozio della squadra.

Nel frattempo dopo la chiusura forzata di ieri, lo store di Aquila Basket oggi riaprirà regolarmente. Lo staff del punto vendita ha ultimato nel più breve tempo possibile il lavoro di inventario e si è poi proceduto anche alle riparazioni e alla sistemazione dei danni causati dai malviventi, in modo da consentire il pieno ritorno alla normalità della struttura, oltre che degli uffici del club, visitati anch’essi dai malviventi ma senza che questi portassero via nulla da scrivanie, cassetti e armadi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy