Salta al contenuto principale

Traffico illecito di richiami

con base in Rotaliana: 18 arresti

e 20mila uccelli sequestrati

 

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Un traffico illecito di uccelli da richiamo utilizzati principalmente per l’attività venatoria, è stato scoperto nell’ambito di un’operazione condotta dal Corpo forestale della Provincia di Trento, e coordinata dalla sostituta procuratrice della Procura di Trento Maria Colpani.

L’operazione ha visto coinvolte diverse regioni nel nord Italia e Stati esteri limitrofi.

Il bilancio è di 18 arresti, con sette ordinanze di custodia cautelare in carcere, una delle quali eseguita in Trentino, oltre 50 persone indagate e circa 46 perquisizioni tra Trentino, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Campania e Toscana, con oltre 250 uomini dei carabinieri del Corpo forestale, di sette diversi reparti, impegnati sul campo, con la collaborazione anche della sezione autostradale della Polizia di Stato.

Nell’ambito dell’indagine sono stati sequestrati oltre 20.000 esemplari, vivi e morti, di uccelli ed è emerso che venivano raccolte oltre 1.000 nidiacee a settimana in media, di tordo bottaccio da Burgraviato e Val di Non.

Dalla base operativa nella Piana Rotaliana, secondo l’accusa, l’avifauna veniva poi conferita a privati residenti in Lombardia e a noti commercianti della provincia di Brescia, i quali poi a loro volta smistavano a singoli acquirenti delle province di Brescia e Bergamo. Un’altra parte consistente del traffico ha riguardato il Veneto, e in particolare le province di Vicenza e Treviso, quest’ultima un epicentro importante, con 19 perquisizioni e 5 arresti.

Gli esemplari, appena raccolti, valevano in media circa 30 euro, ma con lo svezzamento e l’ingrasso potevano arrivare a valere anche 300 euro. Le stime, quindi, parlano di un traffico illecito del valore di diverse centinaia di migliaia di euro.

Oltre al bracconaggio, agli indagati vengono contestati ricettazione, furto venatorio, riciclaggio, maltrattamenti su animali e detenzione abusiva di armi. Sequestrato anche denaro in contante e diverso materiale, tra cui decine di migliaia di munizioni, armi e alcune macchine in grado di sofisticare gli anelli identificativi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy