Salta al contenuto principale

Processo «ex Argentina»:

in appello tutti assolti

non ci fu lottizzazione abusiva

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 32 secondi

Nell’operazione «ex Argentina» di Arco non c’è stata lottizzazione abusiva. C’è stata semmai solo la forma penalmente più lieve di «abuso edilizio» che però a questo punto è prescritto.

E così, dopo quattro udienze e un anno e mezzo di attesa, si conclude quasi nel migliore dei modi il processo di appello a carico degli otto imputati per la vicenda politico-giudiziaria che ha tenuto banco nell’ultimo quinquennio sulla scena arcense.

Reato prescritto per Roberto e Gianluca Miorelli, Bianca Maria Simoncelli e per i progettisti del gruppo Cosmi. Assoluzione piena con conferma del verdetto di primo grado per il vicesindaco Stefano Bresciani e la funzionaria Tiziana Mancabelli.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy