Salta al contenuto principale

Studenti trentini sopra la media

Aumenta la relazione tra risultati

e status sociale delle famiglie

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 55 secondi

L’Ocse attesta la bontà della preparazione scolastica dei quindicenni trentini, specchio dell’efficacia dell’intero percorso formativo effettuato a partire dalla scuola dell’infanzia, richiamando però al contempo la necessità di non «abbassare la guardia».

Questa è, in sintesi, la fotografia che emerge per il Trentino dalla settima indagine PISA -Programma internazionale per la valutazione degli studenti-svolta nella primavera del 2018. Lo studio, con cadenza triennale, rileva le competenze (o literacy) dei quindicenni scolarizzati in lettura e comprensione del testo, in matematica e in scienze, potendone comparare i livelli tra i diversi territori e Paesi.

In Trentino, l’indagine ha interessato complessivamente un campione di 1.439 studenti, su un totale di 5.037, frequentanti Licei, Istituti Tecnici, Istruzione e Formazione professionale e Secondarie di primo grado.

I risultati ottenuti confermano la buona posizione della scuola trentina in riferimento al resto del Paese, con livelli superiori ai valori medi nazionali di oltre 20 punti in tutti i tre domini oggetto di verifica e in linea con quanto registrato nell’intera ripartizione geografica di appartenenza (Nord Est).

In termini temporali, migliorano le performance degli studenti trentini in matematica, a fronte però di una tendenziale riduzione di quelle in lettura e soprattutto delle competenze in scienze. Qualche sforzo in più va fatto anche per combattere i condizionamenti derivanti dallo status socio-economico-culturale della famiglia di provenienza.
Alla conferenza stampa di presentazione dei dati hanno partecipato l’assessore all’istruzione Mirko Bisesti, il dirigente generale del Dipartimento istruzione e cultura della Provincia autonoma di Trento Roberto Ceccato, la sovrintendente scolastica Viviana Sbardella, il presidente del Comitato tecnico scientifico di IPRASE Renato Troncon e il direttore di IPRASE Luciano Covi.

In sintesi, le indicazioni che derivano da Pisa 2018 anche per la scuola trentina sono le seguenti:

  • Il sistema educativo provinciale registra performance decisamente migliori della media nazionale e simili a quelle dei territori limitrofi in tutti gli ambiti disciplinari indagati
  • Gli studenti trentini ottengono risultati migliori in matematica rispetto alla lettura e alle scienze; entrambi questi due ambiti mostrano un trend decrescente a partire dal 2012 (ultimi due cicli di Pisa), a conferma del fatto che senza una regolare ‘attenzione’ ai processi di insegnamento e di apprendimento, si possono incontrare difficoltà nel mantenere nel tempo buoni livelli di performance, come successo in altri sistemi scolastici europei
  • Per quanto riguarda la lettura, gli studenti trentini sono più bravi nel valutare e riflettere che nell’individuare informazioni; preferiscono poi lavorare su testi multipli che su testi singoli
  • A fronte di una quota di studenti particolarmente talentuosi o “top performer” (variabile dal 5% in scienze, al 7% in lettura, al 15% in matematica), vi è una percentuale di giovani (“low performer”) al di sotto delle      competenze ritenute minimali per essere cittadini attivi in un mondo sempre più permeato dalle nuove tecnologie e scoperte scientifiche (il 19% in lettura e comprensione del testo, il 16% in scienze e il 13% in      matematica)
  • Persiste ancora uno scarto tra ragazze e ragazzi nella lettura (a favore delle prime), mentre sembra essersi colmato il differenziale che le giovani studentesse avevano rispetto ai loro coetanei maschi in matematica e scienze; tale dato è in controtendenza sia rispetto alla media nazionale, sia rispetto al resto del Nord Est, e quindi caratterizza in modo specifico la nostra realtà provinciale
  • Con riferimento ai diversi indirizzi di studio, gli Istituti Tecnici denotano una maggiore difficoltà nel mantenere la stabilità nei livelli di apprendimento raggiunti dai propri studenti, mentre i Licei sembrano caratterizzarsi per una sorta di effetto “soffitto”, oltre al quale non si riesce ad andare; il segmento della Istruzione e formazione professionale, una specificità della scuola Trentina che raccoglie una quota di circa un terzo della leva, segnala al contrario un trend di miglioramento nell’arco degli ultimi dieci anni, anche se deve porsi l’obiettivo di contenere ulteriormente la distanza dagli altri settori dell’istruzione liceale e tecnica, soprattutto nella quota di studenti che non raggiungono la soglia minima di competenze (quasi uno studente su due in lettura)
  • La relazione tra risultati raggiunti e background socio-economico-culturale familiare è tendenzialmente aumentata nelle ultime rilevazioni, così come si è contratta la percentuale di studenti resilienti; è utile, quindi, mirare a contenere il più possibile i condizionamenti derivanti dallo status sociale ed economico della famiglia di appartenenza e a migliorare l’equità dei processi educativi, oltre che quelli di inclusione.


«In rapporto al PIL, l’investimento della Provincia autonoma di Trento in istruzione è già piuttosto elevato – ha commentato l’assessore Bisesti analizzando i risultati dell’indagine - quindi è necessario non disperdere le risorse su troppi fronti, ma essere selettivi nella scelta degli obiettivi, perché spesso gli interventi estesi sono a somma zero. È essenziale dunque individuare con precisione gli snodi più delicati, scegliere le strategie più efficaci, definire programmi precisi di azione”.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy