Salta al contenuto principale

Ristoranti: nella Gault e Millau

l'Alto Adige trionfa su tutti

e Niederkofler va al top

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

Lo decreta anche Gault&Millau 2020: l’Alto Adige è sempre più in alto 34 ristoranti premiati e una novità, il premio con 5 cappelli.

La gastronomia altoatesina vola sempre più in alto: la rinomata guida Gault&Millau 2020 ha assegnato ai ristoranti del territorio ben 98 punti, 7 in più rispetto allo scorso anno. La novità di questa edizione è il premio con 5 cappelli assegnato al ristorante St. Hubertus a San Cassiano con lo chef Norbert Niederkofler.

Cinque ristoranti sono stati premiati con 4 cappelli e a 28 ristoranti sono stati assegnati 3 cappelli. Grazie ad una cooperazione di IDM Alto Adige con la guida Gault&Millau, i ristoranti premiati compariranno nella guida austriaca, una pubblicazione che garantirà loro visibilità.

L’Alto Adige trionfa: il numero di ristoranti eccellenti nel territorio è molto elevato. «Ben 34 ristoranti altoatesini hanno ricevuto in totale 109 cappelli. Questa ottima performance nella classifica generale – alla quale hanno contribuito tutti i migliori chef – è estremamente importante per i ristoranti. Al tempo stesso anche la destinazione Alto Adige ne può trarre benefici, poiché si rafforza la nostra reputazione come destinazione turistica e del gusto», sostiene il presidente di IDM Hansi Pichler.

Anche l’Unione Albergatori e Pubblici esercenti (HGV) è consapevole del crescente interesse per il turismo enogastronomico: «L’attenzione verso questa tematica è cresciuta rapidamente negli ultimi anni. Non solo a casa, ma anche come esperienza di vacanza, sono in molti che vogliono gustare piatti di alta qualità. Per questo motivo è molto importante che l’Alto Adige sia presente in guide rinomate, che godono di ampia popolarità», afferma Manfred Pinzger, presidente di HGV, che ha sostenuto la cooperazione di IDM con Gault&Millau.

Dal 2020 l’Alto Adige potrà contare su un ristorante premiato con 5 cappelli. Si tratta del ristorante St. Hubertus dello chef Norbert Niederkofler, nell’Hotel Rosa Alpina a San Cassiano: l’unico ristorante che ha ottenuto 19 punti su 20 e il primo a ricevere 5 cappelli.

4 cappelli abbelliscono la Trenkerstube nell’Hotel Castel a Tirolo con lo chef Gerhard Wieser (18,5 punti), la Gourmetstube Einhorn presso il Romantik Hotel Stafler a Mules, guidata dallo chef Peter Girtler (17,5 punti), il ristorante Zum Löwen a Tesimo con la chef Anna Matscher (17,5 punti), il ristorante Jasmin dello chef Martin Obermarzoner a Chiusa (17 punti) e il ristorante 1908 presso il Parkhotel Holzner a Soprabolzano con lo chef Stephan Zippl (17 punti).
Altri 28 ristoranti sono stati premiati con 3 cappelli.

Quest’anno, in seguito al nuovo sistema di valutazione, non è specificato chi ha perso e chi ha invece ottenuto più cappelli. Nel 2020 ci saranno sette nuovi ristoranti premiati con i cappelli: l’Hotel Bad Schörgau a Sarentino, il ristorante In Viaggio a Bolzano, il ristorante Annona a Cadipietra in Valle Aurina, lo Schlosswirt Forst a Lagundo, il ristorante Braunwirt a Sarentino, il ristorante Artifex a Fleres e il Philiaz di Caldaro.

«Nella prima valutazione della guida Gault&Millau del 2008 erano stati assegnati ai ristoranti altoatesini 68 punti, mentre adesso siamo a 98 punti. Questo dimostra ancora una volta l’alto livello della cucina locale e come nell’ultimo decennio l’Alto Adige si sia sviluppato in termini di cucina di qualità», dichiara soddisfatto Reinhard Steger, presidente dell’associazione dei cuochi altoatesini Südtiroler Köcheverband (SKV).

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy