Salta al contenuto principale

Il cavo dell'alta tensione si rompe

e incendia il bosco a Teodone:

guarda lo spaventoso VIDEO

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Un cavo dell'alta tensione cede sotto il peso della neve fradicia di acqua: è accaduto questa mattina a Teodone, vicino a Brunico. 

In Alto Adige è stato confermato sino alle ore 12 di domani lo stato di pre-allarme (bravo - arancione), il terzo livello su una scala di quattro. Lo conferma il direttore della protezione altoatesina Rudolf Pollinger, tracciando un bilancio della situazione e annunciando che alle ore 14 verrà insediata la Centrale operativa provinciale con la presenza del presidente Arno Kompatscher, dell’assessore alla protezione civile Arnold Schuler e del Commissario del governo Vito Cusumano.

Da mezzanotte alle 6 la Centrale unica di emergenza ha registrato 71 interventi, di cui 60 di natura sanitaria e 11 legati alle attività dei vigili del fuoco. Tra le 6 e le 12, invece, altre 130 interventi dei vigili del fuoco e 30 interventi di soccorso sanitario.
Sono 37, fra statali e provinciali, le strade off limits su tutto il territorio, senza contare le numerosissime strade secondarie principalmente ad alta quota. La statale della Val Pusteria è rimasta chiusa nella mattinata di oggi a causa di un albero caduto nei pressi di San Lorenzo in località Kniepass.
L’appello è di non mettersi in viaggio.
Secondo il Servizio meteo della Provincia, le precipitazioni anche consistenti proseguiranno sino al tardo pomeriggio di oggi, mentre il limite delle nevicate varia a seconda delle zone: in alcuni punti nevica anche nel fondovalle, in altri a quota 2.000 metri. In alta montagna, inoltre, soffia vento di tempesta proveniente da sud.

La caduta di alberi su linee di media e alta tensioni causano anche piccoli roghi. «La situazione è molto, molto pericolosa, anche in città a causa della caduta di rami e alberi. La val Pusteria è attualmente bloccata. Viaggiatori bloccati in valle si possono rivolgere al centro emergenza dei vigili del fuoco a Brunico», dice all’ANSA il comandante Reinhard Weger.

Continua ad essere problematico in alcune zone dell’Alto Adige l’approvvigionamento di energia elettrica e sono 12.500 le utenze senza corrente. Disagi e disservizi si registrano anche per quanto riguarda le linee di telefonia mobile. Le caserme dei vigili del fuoco volontari sono a disposizione con le loro infrastrutture per chi non avesse possibilità di accedere a collegamenti telefonici.

GUARDA IL VIDEO 

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy