Salta al contenuto principale

Solai collassati, crolla la casa

Evacuata abitazione adiacente

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

Crollo di una casa su tre piani, con solai collassati fino a interessare pure gli avvolti «a botte», poco dopo mezzogiorno a Barbaniga, frazione alta di Civezzano, a 692 metri d’altitudine, con circa 150 residenti.

Fortunatamente nessuno è rimasto sotto le macerie, sotto le pareti interne e parte delle mura maestre in sasso venute giù, a insieme a parte della copertura ampia forse poco meno di 80 metri quadrati. «Ero seduto sul divano di casa, quando ho sentito un boato, un rumore forte, prolungato e ravvicinato», racconta Alessandro Maravoli che risiede subito sopra quella via «di San Giovanni Battista» (nuova toponomastica), dove, all’interno di una piccola corte a dividere due strade, è avvenuto il crollo in quell’edificio, se non proprio «storico», perlomeno antico, sicuramente di prima dell’Ottocento.

«Dopo il boato, si è alzata una grande nuvola grigia simile al fumo. Quindi ho realizzato quanto era successo». Così Maravoli - erano le 12.50 - ha subito allertato i soccorsi chiamando il numero 112 dell’emergenza. A constatare prima di tutto l’assenza di coinvolgimento di persone e animali nel crollo, sono tempestivamente intervenuti i vigili del fuoco di Civezzano con il comandante Gianluca Schmid, nonché quelli del corpo permanente di Trento in forze, anche con un funzionario e l’autoscala.

Sul posto è pure accorso anche il sindaco di Civezzano, Stefano Dellai, fra l’altro residente poco distante, che, assieme ai vigili del fuoco, ha stabilito i primi contatti con gli abitanti le case limitrofe. Compresi quelli della porzione di casa al numero civico 34, collegata a valle con una parete maestra divisoria a quella crollata - peraltro fuori sede e contattati telefonicamente - che dovranno lasciare la loro abitazione per qualche tempo, in attesa della definitiva bonifica dell’edificio adiacente. Si tratta di una giovane coppia con una bimba piccina che, contattati dal sindaco Stefano Dellai, hanno acconsentito a alloggiare altrove senza particolari impedimenti.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy