Salta al contenuto principale

L'Istituto agrario di S.Michele

festeggia i suoi 145 anni:

«Anticipiamo i cambiamenti»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

«Creiamo gli elementi scientifici per fornire alla popolazione dati certi su agricoltura, alimentazione e ambiente. San Michele è la base di una fondazione che oggi si proietta in Europa e nel Mondo». Lo ha detto il direttore della Fondazione Edmund Mach, Andrea Segrè, in occasione del 145/o anniversario dell’Istituto agrario di San Michele all’Adige.

Segrè ha preso la parola, intervistato dalla giornalista Maria Concetta Mattei, dopo i saluti istituzionali del presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, dal presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, e dell’eurodeputato Herbert Dorfmann.

«L’istituto è una comunità che conta 2.000 persone tra studenti, ricercatori e scienziati, con una grande contaminazione tra diversi ambiti, che vanno dal cambiamento climatico alla coltivazione sui territori di montagna. Guardiamo al futuro cercando di anticipare i cambiamenti in atto, portando innovazione in linea con l’agenda europea dello sviluppo sostenibile», ha aggiunto Segrè.

Nel 2018 il Centro di ricerca e innovazione della Fondazione Edmund Mach (Fem) di San Michele all’Adige ha pubblicato 383 articoli scientifici in tema di agricoltura, alimentazione e ambiente. Lo riporta un documento di sintesi diffuso in occasione della cerimonia per il 145/o anniversario dell’istituto agrario.

Il centro di ricerca si avvale di 182 persone, di età media pari a 42 anni. Il 43% sono donne, mentre il 14% stranieri.

Nel corso dello stesso anno, il Centro ha stretto oltre 200 collaborazioni in tutto il mondo, mentre sono stati organizzati 50 seminari e 13 eventi divulgativi, che hanno raggiunto più di 20.000 persone.

Sempre nel 2018, il Centro di trasferimento tecnologico ha effettuato 15.200 analisi di controllo enologiche, 2.100 analisi di suoli e vegetali, 6.938 analisi microbiologiche di campioni di latte. In generale, ha fornito prestazioni professionali e strumenti per oltre mille aziende, tra cui enti pubblici e imprese private.

Il 95% dell’attività ha riguardato realtà italiane, il 5% imprese estere (tra cui alcune aziende cinesi e nordafricane).

Il governatore Maurizio Fugatti ha dichiarato che: «La Provincia di Trento non farà mancare i finanziamenti alla ricerca, ma puntiamo anche su finanziatori terzi per favorire la competitività dell’ente».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy