Salta al contenuto principale

Natale: in piazza San Pietro

il presepe in legno di Scurelle

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

Proviene da Scurelle, comune della Bassa Valsugana, il presepe che verrà allestito in piazza San Pietro per il Natale 2019.

Giunge, invece, dall’altipiano di Asiago l’imponente abete rosso (alto circa 26 metri, con diametro di 70 centimetri) che verrà innalzato accanto al presepe.

È stato donato insieme con una ventina di alberi più piccoli dal Consorzio di usi civici di Rotzo-Pedescala e San Pietro, in provincia di Vicenza. «Albero e presepe - riferisce l’Osservatore Romano - sono legati insieme dal ricordo della tempesta che tra ottobre e novembre 2018 ha devastato molte zone del Triveneto». Quest’anno, inoltre, il Gruppo presepio artistico Parè di Conegliano, in provincia di Treviso, curerà l’allestimento della natività nell’Aula Paolo VI.

La cerimonia di inaugurazione del presepe e dell’illuminazione dell’albero in piazza San Pietro si terrà giovedì 5 dicembre.

Realizzato quasi interamente in legno, il presepe che dal Trentino arriverà in Vaticano è composto da due elementi architettonici caratteristici della tradizione trentina. Si tratta di due strutture in legno lavorato con tavole grezze, dove vengono alloggiati oltre una ventina di personaggi a dimensione naturale in legno policromo.

In ricordo della tempesta dello scorso anno, vengono collocati come sfondo del paesaggio alcuni tronchi provenienti dalle zone colpite dai nubifragi.

L’abete rosso, invece, giunge dal territorio del comune di Rotzo e delle frazioni di Pedescala e San Pietro, la cui superficie boschiva si estende su oltre 1.880 ettari. In sostituzione delle piante rimosse verranno ripiantati 40 abeti - scrive l’Osservatore Romano - per reintegrare i boschi gravemente danneggiati dagli eventi eccezionali del 2018.

L’addobbo e l’illuminazione saranno a cura della Direzione infrastrutture e servizi del Governatorato in collaborazione con la Osram, con un sistema volto a limitare l’impatto ambientale e il consumo energetico.

L’albero e il presepe rimarranno esposti fino alla conclusione del tempo di Natale, che coincide con la festa del Battesimo del Signore, domenica 12 gennaio 2020.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy