Salta al contenuto principale

Indagato il figlio di Grillo:

oggi il giudice ha interrogato

la madre che era nella villa

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

La moglie di Beppe Grillo, Parvin Tadjk, madre di Ciro, il 19enne accusato con tre amici del presunto stupro di una studentessa di 19 anni quest’estate nella villa di famiglia a Porto Cervo, è comparsa oggi in Procura a Tempio Pausania (Sassari), convocata come persona informata dei fatti dal procuratore Gregorio Capasso. La donna si è presentata negli uffici della Procura accompagnata dal suo avvocato, Enrico Grillo: il colloquio avuto con il procuratore resta coperto dal massimo riserbo.

Di sicuro, come riferito dagli avvocati della difesa (Barbara Raimondo, Gennaro Velle, Paolo Costa, Enrico Grillo, Ernesto Monteverde, Mariano Mameli), il 16 luglio scorso, giorno del presunto abuso sessuale di gruppo - per cui insieme a Ciro Grillo, sono indagati Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria - la donna ha trascorso la notte in una delle stanze della villa in Costa Smeralda.

Oltre alla donna, la difesa ha segnalato alla Procura la presenza in casa di una domestica e di numerose persone che dimoravano nelle vicine ville, compresa una coppia di anziani che dormiva al piano superiore. Anche queste persone saranno sentite dal magistrato. Intanto i periti nominati dall’accusa e dalla difesa continuano l’analisi dei contenuti dei telefoni degli indagati, compresi i profili social il cui accesso è stato reso disponibile volontariamente dai quattro indagati.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy