Salta al contenuto principale

«L’Altalena» conquista l’Italia
I complimenti da tutti
ma non dalla Provincia - Foto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

I palloncini colorati, gli abbracci, le foto ricordo, i complimenti, pure qualche lacrimuccia (dei grandi, naturalmente, mica dei piccoli). Proprio come una squadra di calcio che torna dai propri tifosi dopo aver conquistato una coppa. I 27 bambini delle elementari Schmid non avevano alcun trofeo, ma sono stati accolti dai genitori, dai fratelli e dagli amici come delle vere star.



Lunedì pomeriggio su Rai 1 (oltre 1 milione di spettatori con il 10.98% di share) e davanti agli occhi del presidente Sergio Mattarella hanno inaugurato l’anno scolastico nazionale cantando da L’Aquila la loro canzone “L’Altalena”. Ed è stato un successo incredibile: i complimenti di tutti i presenti, le strette di mano, le parole del capo dello Stato a una delle insegnanti («Continuate così»). E poi i messaggi e le telefonate, i commenti positivi sui social network, i servizi su giornali e televisioni. Insomma, un trionfo e un riconoscimento dell’impegno da parte di tutta Italia.

"L'altalena" cantata a L'Aquila davanti a Mattarella



Tranne, purtroppo, dalla Provincia. Anche se ovviamente c’è ancora tempo per rimediare e anzi (sicuramente) si sarà trattato dei classici “impegni istituzionali contingenti”, ma fino a ieri pomeriggio né il presidente, né l’assessore competente, né qualche consigliere hanno detto un semplice «Bravi, grazie!» ai bambini, ai maestri e alla dirigente. Eppure il nome del Trentino grazie a quella canzone l’hanno tenuto altissimo e l’hanno portato in tutta Italia. E il fatto che la canzone sia stata “ispirata” dalle dichiarazioni della consigliera leghista Katia Rossato non può naturalmente essere una motivazione: il testo, infatti, parla di valori universali come l’amicizia, il diritto alla felicità, l’antirazzismo e quindi non si tratta certo di una canzone “contro” qualcuno, ma “per” qualcosa.

Chiusa la parentesi, entusiasta la dirigente Paola Pasqualin, che ha accompagnato i bambini a L’Aquila insieme ai maestri Alessio Zeni, Katia Degasperi e Federico Bortoli. «È stata un’esperienza stupenda, meglio di così non sarebbe potuta andare. I bambini sono stati eccezionali, sia durante l’esibizione, sia nei giorni precedenti. Sul palco erano emozionati, ma per fortuna sono bambini e probabilmente non si sono resi del tutto conto di quello che stavano facendo, con Mattarella a tre metri di distanza. Il presentatore Insinna è stato amorevole con i piccoli, parlava benissimo della canzone e si è complimentato un sacco di volte.

Poi il maestro Zeni ha ricevuto tanti applausi, ed è diventato amico del direttore dell’orchestra, continuavano a parlare di musica. Abbiamo anche preso molti contatti, una scuola superiore di Monza ci ha chiesto di costruire un progetto insieme». Ora la “pacchia” è finita, e da domani (oggi per chi legge) si torna a scuola. «Si torna, è vero, ma anche in classe è “pacchia”, perché facciamo quello che ci piace fare».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy