Salta al contenuto principale

La Lav chiede il seguestro di M49

per garantirne la sicurezza

Chiudi

orso M49 in libertà pochi giorni prima della cattura - a Pian del Forno - FOTO COPYRIGHT Moris Zenari 

Apri

FOTO COPYRIGHT Moris Zenari

Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 35 secondi

Con una memoria depositata oggi alla Procura di Bolzano, la Lega anti vivisezione (Lav) ha informato il procuratore capo, Giancarlo Bramante, circa «il grave rischio che incombe sulla vita dell’orso denominato M49» e ha chiesto il sequestro preventivo dell’animale, «al fine così di impedire alla Provincia di eseguire i contenuti dell’ordinanza».

«Considerato che l’ordinanza della provincia di Bolzano si basa su dati che confermano quanto l’orso sia disinteressato a noi umani, a ulteriore chiara conferma della sua non pericolosità, se venisse eseguita comportando addirittura l’uccisione dell’animale, saremmo pronti a denunciare l’amministrazione provinciale per uccisione di fauna selvatica protetta e uccisione di animale», afferma dichiara Massimo Vitturi, responsabile animali selvatici della Lav.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy