Salta al contenuto principale

In Sudafrica per un convegno

derubato e accoltellato

il Prorettore Deflorian: «Sto bene»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

Brutta avventura per il Prorettore dell’Università degli studi di Trento in Sudafrica: aggredito alle spalle, è stato spinto a terra, accoltellato ad una mano e ad una gamba e rapinato del portafoglio e del telefono cellulare.

Vittima dell’aggressione, avvenuta a Durban, il professor Flavio Deflorian, che è ordinario di scienza e tecnologia dei materiali al Dipartimento di ingegneria industriale, che si trovava all’estero per partecipare ad un convegno, il settantesimo Meetings of the International Society of Electrochemistry.

A distanza di tre settimane dalla brutta avventura, rimasta riservata per giorni, le ferite sono pressoché guarite e il docente riesce anche a sdrammatizzare: «Sto bene, mi sono completamente ristabilito».

L’aggressione è avvenuta la sera del 4 agosto, dopo l’apertura del convegno, al quale erano presenti un migliaio di docenti da tutto il mondo. Il prorettore era insieme ad altri due colleghi trentini e dal centro congressi hanno fatto due passi in centro. Lì sono stati aggrediti da una banda di cinque individui, probabilmente drogati o ubriachi che hanno colpito il Prorettore con un coltello, e sono scappati con il telefono cellulare e il portafoglio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy