Salta al contenuto principale

A Fai della Paganella 4 hotel

"assediati" dal fracasso dei cantieri

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 59 secondi

I cantieri al lavoro in estate, soprattutto in piena stagione, non favoriscono il turismo.

E se l’amministrazione comunale di Fai investe denaro pubblico per partecipare ai concorsi dei comuni fioriti, dovrebbe anche essere più attenta ad accogliere i turisti che amano la montagna per il relax e trascorrere qualche giorno in un’amena località di vacanza.

La critica giunge da alcuni albergatori e residenti che non ne possono più dei fastidiosi rumori di martelli pneumatici e macchine operatrici.

In effetti, quattro cantieri a fianco di quattro esercizi alberghieri non sono un bel biglietto da visita per chi ha scelto di trascorrere le vacanze a Fai.

I proprietari dell’hotel Belvedere lamentano addirittura la perdita del 50% della propria clientela. «I turisti vengono nel parco del nostro Centro benessere per godersi il silenzio della montagna; qui, invece, devono sopportare per diverse ore al giorno il fracasso delle ruspe e dei demolitori». Per Maurizio Giuliani, consigliere comunale con delega speciale per il turismo, le lamentele degli albergatori sono condivisibili: «Non è facile risolvere questo problema, però i rumori molesti danno fastidio ai turisti non solo a Ferragosto, ma anche in bassa stagione e durante l’inverno».

Il cantiere sopra l’hotel Belvedere è stato aperto a metà giugno e la richiesta dei proprietari della struttura alberghiera di sospendere i lavori almeno per il periodo di Ferragosto è rimasta inascoltata. «Pazienza se costruissero opere pubbliche - lamenta un abitante nelle vicinanze del cantiere - ma, invece, sono tutte residenze private».

Il proprietario dell’hotel El Paso si chiede perché, senza andar lontani, a Molveno e a Andalo, in estate, non si vede nemmeno l’ombra di un cantiere. Pure in altri comuni, ad agosto, i lavori vengono sospesi. E anche all’hotel Negritella si pongono la stessa domanda: non si può prescrivere nella licenza edilizia un termine di sospensione? «Non è vero che in altri comuni si sospendono i lavori - osserva il sindaco Gabriele Tonidandel - ma ogni amministrazione emette delle ordinanze con la quali ridurre gli orari delle attività rumorose. Da noi, la riduzione prescritta sull’orario è, nel periodo dal 24 giugno all’1 settembre, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Pertanto le ore del riposo pomeridiano sono garantite. Nessun comune può orinare la sospensione dei lavori e, a chi si lamenta, lo abbiamo spiegato in mille modi. Sono solidale con gli albergatori, però non si possono contrastare i diritti e le necessità di privati cittadini che stanno costruendo le loro case».

Però, in quasi tutti i comuni a vocazione turistica, i sindaci firmano delle ordinanze molto più restrittive, nelle quali sono vietati, per l’intero arco stagionale, i rumori molesti. E, allegata all’ordinanza, si trova una tabella nella quale è specificata la tipologia di macchine operatrici e attrezzature per le quali vige il divieto.

Il sindaco Tonidandel rassicura che la sua ordinanza è sempre stata rispettata poiché, nei frequenti controlli della polizia locale, non è stata ravvisata alcuna violazione. Però, un ospite di una struttura alberghiera, mentre noi stavamo scattando alcune fotografie, si è avvicinato lamentandosi per l’inquinamento acustico e ha giurato che a Fai non ci metterà più piede.

All’hotel Belvedere hanno consultato pure l’Appa (l’agenzia provinciale per la protezione ambientale) che ha suggerito ai proprietari di cercare una forma a titolo di indennizzo con i privati: insomma, secondo la funzionaria interpellata dalla famiglia Endrizzi, proprietaria dell’hotel, basterebbe offrire una somma fra i 20.000 o 30.000 euro per far sospendere i lavori. Scontata la risposta dell’albergatore: «Io ci ho rimesso già una barca di soldi con i turisti che sono scappati dal mio hotel. E dovrei pure pagare chi mi procura il danno?»

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy