Salta al contenuto principale

L'addio a Borrelli. Di Pietro piange

«Sognava un'Italia

lontana dal malaffare»

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

Francesco Saverio Borrelli «sognava un’Italia lontana dal malaffare, pulita e bella». È un passaggio dell’omelia al funerale questo pomeriggio dell’ex procuratore generale di Milano già capo del pool di Mani pulite, scomparso sabato.

«È stato un uomo che ha speso la sua vita per il bene comune, per l’onestà, per la giustizia» e per «la lotta alla corruzione». Parole a cui è seguito un lungo applauso della basilica di Santa Croce, gremita. Presenti magistrati, avvocati e autorità, e normali cittadini.

In mattinata l’ex pm di Mani pulite, Antonio Di Pietro, è arrivato al Tribunale di Milano alla camera ardente allestita per il procuratore Francesco Saverio Borrelli.

Di Pietro, che non ha rilasciato dichiarazioni dopo la notizia della morte del suo ex capo, quando è arrivato, si è inginocchiato davanti alla bara e ha pianto a lungo.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy