Salta al contenuto principale

Dolomiti, «grazie all'Unesco

turisti aumentati del 10%»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

I turisti nelle Dolomiti sono aumentati del 10% (ma in molte località ancora di più) da quando la catena montuosa è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, nel 2009. Il dato è stato reso noto stamani alla Camera dei Deputati a Roma, alla presentazione delle celebrazioni per il decennale delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità, che si aprono il 26 giugno prossimo a Cortina d’Ampezzo (Belluno).
«Tutti gli operatori turistici che abbiamo sentito - ha spiegato Marcella Morandini, direttore della Fondazione Dolomiti Unesco - ci hanno detto che le presenza turistiche dopo il 2009 sono aumentate almeno del 10%. Merito della iscrizione a Patrimonio dell’Umanità, che ha fatto conoscere la bellezza dei nostri monti in tutto il mondo. Ma in alcune località l’incremento è arrivato al 90%».

Le celebrazioni per il decennale cominceranno il 26 giugno prossimo a Cortina, che è anche sede della Fondazione. Il 26 giugno del 2009 ci fu la proclamazione a Patrimonio dell’Unesco.
In programma per la giornata concerti di bande, gare sportive, degustazioni di prodotti tipici. I festeggiamenti andranno avanti per tutta l’estate, con 140 eventi organizzati da associazioni del territorio.
Le Dolomiti comprendono 9 sistemi montuosi delle Alpi Orientali e coprono un’area di 142mila ettari fra le 5 province di Belluno, Bolzano, Pordenone, Trento, Udine e le 3 Regioni Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto. (ANSA).

«Le Dolomiti si configurano come laboratorio internazionale virtuoso per la gestione di un patrimonio naturale particolarmente complesso - ha detto stamani alla presentazione la sottosegretaria all’Ambiente Vannia Gava (Lega) -. Trascorsi questi 10 anni, è sempre più evidente l’impegno ed il lavoro che hanno portato questo territorio ad una rinnovata sinergia di squadra tra le amministrazioni locali, le associazioni e i cittadini».

«Mettere in luce le differenze ed evidenziare anche ciò che unisce, è stata la chiave di volta per raggiungere la piena e condivisa gestione di questo patrimonio comune -, ha spiegato Graziano Pizzimenti, Presidente della Fondazione Dolomiti Unesco e assessore regionale al Territorio della Regione Friuli Venezia Giulia -. Da allora il senso della nostra azione è stato duplice: tutelare, da una parte, e valorizzare, dall’altra, il nostro territorio, nel nome della sostenibilità».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy