Salta al contenuto principale

Il corteo per Fridays for Future

«La Terra che resiste» - Foto - Video

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 51 secondi

Oggi seconda grande mobilitazione globale del movimento ambientalista Fridays for Future. A trento il lungo corteo si è mosso poco dopo le 9 da via Verdi, con i giovani che esponevano scritte su pezzi di cartone cn slogan in difesa della natura e della salute del pianeta e dei suoi abitanti.



Stavolta c'è anche una richiesta precisa: che i Comuni italiani e il Parlamento dichiarino lo stato di emergenza climatica, come hanno fatto la Camera dei Comuni britannica e il consiglio comunale di Milano.

«Rispetto al primo sciopero globale per il clima del 15 marzo le nostre rivendicazioni sono diventate più precise. Chiediamo la dichiarazione dell’emergenza climatica da parte del Comune di Roma Capitale e di tutta l’Italia»., spiegano alcuni attivisti romani. Nella capitale i ragazzi si sono tyrovati questa mattina a piazza Repubblica per dare vita a corteo.

 

Ma anche i genitori si mobilitano accanto ai ragazzi, a Torino si sono organizzati come movimento "Parents for Future".

Il 2 maggio scorso la Camera dei Comuni britannica ha approvato una mozione presentata dai laburisti che chiedeva la dichiarazione dello stato di emergenza ambientale nel paese.

Il Consiglio comunale di Milano ha approvato il 20 maggio una mozione del Pd per una «dichiarazione di emergenza climatica e ambientale» in città. La mozione impegna il sindaco «a dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale, a predisporre entro 6 mesi iniziative per la riduzione delle emissioni e per l’introduzione di energie rinnovabili, per incentivare il risparmio energetico..., sviluppando ulteriormente il progetto di riforestazione urbana già in atto», spiega Francesca Travaglino, studentessa, una delle animatrici del movimento a Roma.

Entusiasmo anche fra gli attivisti trentini: «Il 15 marzo, durante il primo sciopero globale per il clima, le strade di Trento sono state invase da migliaia di persone sotto la sigla di Fridays For Future, un movimento nato per rimettere al centro della discussione politica e sociale i cambiamenti climatici, consci che la più importante battaglia da combattere fosse proprio quella ambientale.

Gli scienziati dicono che abbiamo meno di 11 anni per cambiare le cose perché la Terra resti abitabile. Siamo la generazione che per prima subirà le conseguenze del cambiamento climatico e per questo la prima a dover lottare perché questo sistema cambi radicalmente.

Per questo rispondiamo all’appello globale di Fridays For Future e il 24 maggio saremo in piazza a Trento per il secondo sciopero globale per il clima! Vi aspettiamo in tanti e tante!», si legge nella pagina Fb del movimento in Trentino.

Il movimento della giovane attivista svedese continua a influenzare il dibattito ambientale nel mondo.

Il quotidiano britannico Guardian ha deciso di sostituire il termine «cambiamento climatico», considerato troppo neutro, con «crisi climatica».

E il chitarrista dei Queen, Brian May, in una intervista al Daily Mirror ha detto che servirebbe un grande concerto collettivo per il clima, come il Live Aid del 1985 contro la fame in Africa.

La richiesta della dichiarazione di emergenza climatica si aggiunge a quelle già note di #FridaysForFuture: eliminazione dei combustibili fossili, mobilità pulita, giustizia sociale e climatica.

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy