Salta al contenuto principale

Due giovani morti nello schianto:

poco prima avevano fatto un video con la Bmw a 200 all'ora

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

«Stiamo andando a Rovigo, ragazzi, siamo solo ai 200... , fai vedere a quanto andiamo». Sono le parole che si sentono in un video condiviso su Facebook da uno dei due giovani reggiani morti nella notte sull’A1 tra Modena Nord e Modena Sud, intorno all’una.

I due si riprendono mentre sono in viaggio sull’autostrada, a quanto si capisce diretti a una festa techno a Rovigo. «C’è la strada pulita, si va... questa Bmw è un mostro, siamo ai 220», dicono poi mostrando il cruscotto e allargando l’inquadratura. «Ci fermiamo in Autogrill? No, ci sta aspettando la droga e il resto». Pochi minuti dopo i due sono morti in uno spaventoso schianto della vettura: usciti dai rottami, sono stati investiti e uccisi da un'altra automobile.

Il conducente ha perso il controllo del mezzo per la velocità, andando a battere più volte contro il guardrail di destra e di sinistra della carreggiata, per poi finire contro il secondo, accanto alla corsia di sorpasso. I due allora sono scesi, forse storditi, e a quel punto sono stati falciati e uccisi da una o più vetture che sopraggiungevano. È questa la dinamica più probabile dell'incidente in cui sono morti nella notte sull'A1, tra Modena Nord e Modena Sud, due amici, Luigi Visconti, 39 anni, originario di Napoli e Fausto Dal Moro, parrucchiere di 36 anni originario di Padova, entrambi residenti a Reggio Emilia.

Poco prima dello schianto mortale Dal Moro, seduto al posto del passeggero, aveva postato su Facebook un video in cui diceva che stavano andando ai 220 km/h. I due erano a bordo di una Bmw 320 tre porte e stavano viaggiando in direzione Bologna. Gli inquirenti hanno già  ndividuato due auto e interrogato i rispettivi conducenti, per chiarire chi abbia travolto i due.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy