Salta al contenuto principale

Ciclista falciato dall'auto

gravissimo a Vignole

Sergio Tonelli, 59 anni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

Lo hanno trovato esanime a cavallo del guard-rail e sarebbe stato proprio l'impatto con il dispositivo di sicurezza stradale a provocargli i traumi interni e le ferite maggiori. La bici spezzata è finita nel prato a fianco della stradina sottostante, il casco protettivo era rotto in tre punti. 
Un quadro generale decisamente preoccupante quello che si è presentato ai soccorritori giunti sul luogo dell'incidente che ieri pochi minuti prima di mezzogiorno, alle porte di Vignole, ha coinvolto Sergio Tonelli, 59 anni, volto molto noto a Riva e in tutto l'Alto Garda, fino all'estate scorsa coordinatore tecnico-sanitario del reparto di radiologia all'ospedale di Arco prima di andare a lavorare nel negozio «Leoni Cicli» della moglie Roberta. Le sue condizioni sono molto gravi: Tonelli è ricoverato nel reparto di rianimazione del Santa Chiara e i medici si sono riservati la prognosi. Ha subito un grave trauma toracico e addominale, è intubato e sedato, di fatto in coma farmacologico, e come avviene spesso in questi casi per lui saranno decisive le prossime 48-72 ore. Il fisico è forte, quello di uno sportivo sempre attivo, e la speranza è che possa reagire positivamente alle cure dei sanitari.

Tutta da valutare la dinamiuca dei fatti: il guidatore che l'ha investito non correva, e afferma che il ciclista si trovava sul lato sinistro della strada, e che improvvisamente si sarebbe spostato a destra per imboccare una stradina, finendo travolto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy