Salta al contenuto principale

Polizia: reati in calo, soprattutto in città

4 denunce al giorno, 34 interventi delle volanti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 38 secondi

Il questore di Trento Giuseppe Garramone è pronto ad entrare anche nelle chiese: «Dopo le messe, per parlare con gli anziani, informarli su tutto ciò che può essere utile a prevenire furti in casa o truffe. Per ora è solo una mia idea, devo ancora proporla al vescovo, ma il progetto è quello di avvicinare gli anziani in tutti i luoghi che frequentano: parrocchie con chiese o canoniche, o anche centri civici».
Ieri, alla vigilia della festa della polizia di Stato, di cui ricorre oggi il 167° anniversario di fondazione, Garramone ha sottolineato come la presenza sul territorio sia il modo più efficace non solo per contrastare gli episodi si criminalità, ma soprattutto per prevenirli: «Per questo dobbiamo stare tra la gente. Non solo con le pattuglie, ma anche in momenti di sensibilizzazione puntuali».

Reati in calo, soprattutto in città

I dati dell’attività della questura del capoluogo mostrano una fotografia incoraggiante: tra il marzo 2018 ed il mese scorso i reati denunciati alla polizia sono stati 15.137, 857 in meno rispetto allo stesso periodo dei dodici mesi precedenti e 1.314 in meno rispetto a due anni prima. In particolare, Garramone ha voluto sottolineare i progressi degli ultimi mesi «durante i quali - ha spiegato - i servizi di controllo del territorio sono stati particolarmente intensificati: confrontando i quadrimestri agosto - novembre 2018 e dicembre 2018 - marzo 2019, i reati sono passati da 5.071 a 4.548, con i furti scesi da 2.424 a 2.227 e quelli in casa in particolare passati da 500 a 442 con un calo del 15,2%». Garramone ha esposto i dati del confronto dei due periodi anche limitato al solo capoluogo «dove i reati denunciati sono passati da 1.825 a 1.542, con 184 furti di cui 45 furti in casa in meno, pari ad un -23%».

Numeri che «confermano - aggiunge Garramone - la bontà della scelta di investire il più possibile sui servizi di controllo del territorio, coinvolgendo non solo gli uomini delle volanti ma anche della squadra mobile, della stradale, dei reparti prevenzione crimine fatti arrivare da fuori regione e della polizia locale il cui supporto è sempre importante. L’attività ordinaria è stata supportata da oltre una trentina di controlli straordinari, circa due a settimana».

Quasi quattro denunce al giorno

Nell’arco degli ultimi dodici mesi le denunce in stato di libertà sono state 1.420, per una media di poco meno di 4 al giorno. Gli arresti sono stati 181, di cui 64 per reati legati allo spaccio di stupefacenti, campo nel quale sono stati sequestrati oltre 53.000 euro in contanti, quasi 11,5 kg di cocaina, 23 di hashish, 13 di marijuana, 3 etti di eroina e 25 grammi di droghe sintetiche.

Volanti, 34 interventi quotidiani

Gli agenti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, con le volanti, hanno gestito in dodici mesi 12.558 chiamate inoltrate loro alla centrale operativa dalla centrale unica del 112. Un’attività che si è tradotta in una media di oltre 34 interventi al giorno, attraverso la quale sono state identificate (assieme a polstrada e polfer) 56.576 persone ed effettuate verifiche su 37.263 veicoli, che hanno portato al sequestro di 85 mezzi, di cui 10 risultati rubati.

Lotta alla violenza di genere

Costante l’impegno della polizia - al pari delle altre forze dell’ordine - per il contrasto alla violenza di genere: negli ultimi dodici mesi sono stati emessi 51 ammonimenti per stalking e 170 per violenza domestica.

Più di 450 patenti ritirate

La polstrada ha rilevato 371 incidenti stradali (10 con esiti mortali), effettuando 16.162 controlli con l’alcoltest, elevando 10.516 contravvenzioni, ritirando 455 patenti e 167 carte di circolazione.

Polizia postale: sicurezza in rete

La polizia postale e delle comunicazioni ha sequestrato 6.729 gigabyte di materiale e sventato truffe on line per un controvalore pari a 252.366 euro.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy