Salta al contenuto principale

Lavoro, in undici mesi 7.000 infortuni

Nei campi +11%, nei cantieri +4%

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 5 secondi

Nei primi undici mesi del 2018 in Trentino sono stati denunciati 7.632 infortuni sul lavoro. Rispetto allo stesso periodo del 2017 i numeri appaiono in calo del 7,6%. Se però si esclude dal conto la fascia di età fino a 14 anni dove sono registrati gli infortuni scolastici, i 6.943 incidenti avvenuti effettivamente sul lavoro sono appena il 2% in meno del periodo gennaio-novembre dell'anno prima. Tenuto conto che il 2017 era stato un anno record per gli infortuni, siamo di fronte ad un sostanziale mantenimento di livelli elevati di pericolosità dell'attività lavorativa. 

I morti sul lavoro sono sette, come nel 2017. L'anno scorso sono cresciuti gli incidenti durante il viaggio per andare al lavoro, +8%, quelli nei campi, +11%, e nei cantieri, +4%. Sale il numero di feriti tra gli stranieri. E aumentano a quota 366 le malattie professionali, con un incremento del 6,4% sull'anno precedente. 

Secondo l'Inail, che ieri ha reso noto i dati aggiornati a novembre, a livello nazionale nei primi undici mesi del 2018 si contano 592 mila infortuni denunciati (compresi quelli della fascia fino a 14 anni), in aumento dello 0,5%. I morti sono 1.046, cioè 94 in più rispetto ai 952 del 2017, con un incremento di quasi il 10%. L'Istituto per l'assicurazione contro gli infortuni osserva che sull'aumento dei decessi pesa il crollo del ponte di Genova.
L'analisi territoriale evidenzia un aumento delle denunce nel Nord Ovest (+0,8%), nel Nord Est (+1,7%) e al Sud (+0,5%) e un calo al Centro (-1,1%) e nelle Isole (-1,8%). In testa tra le regioni per incremento c'è la Provincia di Bolzano, dove gli infortuni complessivi aumentano del 5,3%. 

In Trentino gli infortuni (compresi quelli scolastici) hanno coinvolto 4.967 uomini e 2.665 donne. Considerando le fasce di età, ci sono appunto 698 casi sotto i 14 anni, cioè, in linea di massima, a scuola e nelle attività collegate, in forte calo rispetto ai 1.170 bambini e ragazzini infortunati nel 2017. In diminuzione anche la fascia successiva, 15-19 anni, che passa da 548 a 502 mentre aumentano da 533 a 589 i feriti tra 20 e 24 anni e da 587 a 647 i lavoratori e le lavoratrici infortunate tra 25 e 29 anni. In leggera crescita da 623 a 628 anche la fascia 30-34 anni, mentre nelle fasce d'età superiori i numeri sono in calo, tranne fra 60 e 64 anni dove si passa da 359 a 377 infortuni. L'età con più incidenti è comunque quella tra 50 e 54 anni: 946 casi.
Poco più di 6.000 lavoratori infortunati sono italiani, in diminuzione. I lavoratori dell'Unione Europea feriti sono 400, dato stabile, mentre gli extracomunitari salgono del 3,7% a 1.172. Gli incidenti in occasione di lavoro sono 6.897, in calo. Quelli in itinere invece crescono dell'8,2% da 679 a 735. Di essi, 508 sono con mezzo di trasporto e 227 senza. 

Per quanto riguarda i settori di attività economica, il complesso dell'industria e servizi vede un calo del 3,7% a 5.763 incidenti denunciati, mentre l'agricoltura sale dell'11% da 733 a 814 casi. In calo gli infortuni nel comparto pubblico, compresi quelli nelle scuole. Nell'ambito di industria e servizi, si registra in prima battuta un incremento consistente sia nel settore industriale, sia nell'artigianato, sia nel terziario. I dati però sono influenzati dalla più accurata attribuzione degli infortuni al settore specifico. È drastico infatti il calo delle denunce in cui il settore non è determinato. Tra i comparti, quello delle costruzioni conta 433 incidenti, in aumento del 4%, il turismo (servizi di alloggio e ristorazione) 493 casi (+9%), il commercio 306 infortuni (+10%). Migliora di poco, da 281 a 279 denunce, il comparto trasporto e magazzinaggio. I sette infortuni mortali comprendono due decessi in agricoltura, due nei trasporti e uno ciascuno nel commercio, nei servizi e in altre attività. Quest'anno tra i morti sul lavoro ce ne sono due sotto i 35 anni (nessuno nel 2017), mentre gli altri cinque hanno più di 45 anni. Per quanto riguarda le malattie professionali, hanno colpito 301 maschi e 65 donne. 192 casi sono nell'industria e terziario, in calo, e 174 nell'agricoltura, in aumento. Il caso più frequente, con 255 denunce, riguarda le malattie del sistema osteomuscolare.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy