Salta al contenuto principale

La Lega Nord ha rubato 49 milioni

La Cassazione: «Sequestrare anche i soldi di oggi»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 10 secondi

Per il «principio della irrilevanza della provenienza del denaro», nei procedimenti di confisca, sono da sottoporre a sequestro «quale profitto del reato» anche le somme che lecitamente finiscono nelle casse della Lega come i «contributi erogati, da soggetti privati, in conformità alla normativa del finanziamento dei partiti politici». Lo sottolinea la Cassazione nelle motivazioni, depositate oggi, relative all’udienza svoltasi lo scorso nove novembre e conclusasi con il rigetto del ricorso presentato da Matteo Salvini - in qualità di segretario della Lega - contro l’ordinanza con la quale il Tribunale del riesame di Genova, il cinque settembre, aveva confermato il sequestro fino a 49 milioni di euro ovunque trovati sui conti o nelle casse del Carroccio nell’ambito del procedimento per la maxitruffa dei rimborsi elettorali. Salvini è stato anche condannato a pagare le spese processuali, come si legge nella sentenza 53942. Per la maxitruffa, sono stati condannati in primo e secondo grado l’ex segretario e fondatore della Lega Umberto Bossi e l’ex tesoriere Francesco Belsito.

Contro la decisione della Cassazione che con chiarezza inequivocabile dà il via libera anche al sequestro dei soldi che i militanti leghisti devolvono al partito sotto la guida di Salvini, Giulio Centemero, attuale tesoriere, ha già annunciato il ricorso alla Corte europea. «La Cassazione - aveva detto “a caldo” Centemero lo scorso dieci novembre, appena appreso del verdetto - ha definitivamente avallato la possibilità di sequestrare somme totalmente lecite considerandole profitto del reato».

«I contributi dei cittadini, i proventi delle feste, etc., si trasformano, per sentenza, in somme da sequestrare senza che vi sia alcun legame con i fatti di reato che vengono contestati ad altri soggetti e a danno della stessa Lega. La violazione è talmente palese che si dovrà ricorrere alla Corte Europea per vedere riconosciute le ragioni che non sono solo del partito, ma di tutti i cittadini», aveva dichiarato Centemero.

Nelle motivazioni, la Sesta sezione penale della Cassazione rileva che con il suo verdetto dello scorso quattro aprile - pronunciato dalla Seconda sezione penale che per prima ha dato il disco verde ai sequestri ‘a tappetò - è stato «con chiarezza stabilito il principio della possibilità di assoggettare a confisca “ulteriori beni costituenti l’utilità economica tratta dall’attività illecita”, il che vuol dire, come pure esplicitato espressamente, ulteriori somme di denaro che possano pervenire sui conti, libretti o depositi della Lega Nord già sottoposti a sequestro».
Per gli ‘ermellinì, «a tale statuizione si è uniformato il Tribunale di Genova nello stabilire che il sequestro (a fini di confisca) “conserva i suoi effetti anche mediante successive apprensioni delle somme che periodicamente affluiscano sui contì del partito Lega Nord”».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy