Salta al contenuto principale

«Un tesserino taglia-code

per i disabili e chi li assiste»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

La signora Maria Abate è mamma di una donna fortemente disabile. Sono 49 che la accudisce ma ora ha deciso lanciare un appello. Non vuole soldi, non vuole più assistenza ma chiede una cosa che a suo dire amministratori e politici avrebbero dovuto garantire già da tempo: un tesserino «taglia-code» per le persone fortemente disabili e i familiari che devono accudirli. 
«Stamattina mi sono recata al Caf per la documentazione che riguarda la famiglia e quindi anche mia figlia - racconta la donna - e ho dovuto attendere tre ore. Io mi chiedo perché una persona come me, che deve accudire un invalido al 100%, non debba essere garantita la priorità. Tutti hanno fretta ma io devo correre a casa perché mia figlia si alimenta artificialmente e quindi non posso ritardare».
La signora, che abita ad Aldeno, dice di aver bussato alle porte di vari uffici in Azienda sanitaria e in Provincia, ma di non aver ottenuto risposte. «Io credo che se nessuno ha pensato ad un tesserino salta-code per chi, come me, è in difficoltà, è solo perché non ha mai avuto questo tipo di problema. A volte sono costretta a lasciare mia figlia in macchina ad aspettarmi. Basterebbe così poco per agevolare la vita a noi che accudiamo queste persone».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy